Contenuto sponsorizzato

Ecco il momento in cui Miro esce finalmente dal canile e l'abbraccio dei suoi padroni - VIDEO

Ieri la decisione per il dissequestro.  Era stato sequestrato dai carabinieri il 22 marzo su provvedimento giudiziario dopo alcune denunce di un vicino di casa, perché abbaiava troppo

Di G.Fin - 12 aprile 2018 - 15:17

ROVERE' DELLA LUNA. Nel primo pomeriggio di oggi Miro ha fatto finalmente ritorno a casa. I proprietari, assieme all'avvocata Cecilia Venturini, si sono recati al canile di Rovereto e hanno potuto riabbracciare il proprio cane per portarlo poi a Roveré della Luna.

 

 

Ieri i giudici del tribunale di Trento avevano accolto la richiesta di dissequestro del cane.

 

La vicenda è iniziata il 22 marzo scorso quando si sono presentati i carabinieri mandati dal giudice, in esecuzione di un provvedimento giudiziario, per prelevare il cane e portarlo al canile. Il motivo? Le lamentele e le querele, di alcuni vicini di casa perchè il cane “abbaia troppo”.

 

Immediatamente dalla proprietaria, Eva Munter, è stata lanciata una petizione sulla piattaforma change.org che ha raccolto in poche settimana oltre 240 mila firme. Un'adesione imponente che è stata usata anche dall'avvocata Venturini per chiedere il dissequestro di Miro.

 

“E' pura gioia” spiega Eva Munter mentre proprio in questi minuti sta facendo ritorna a casa con Miro.

 

 

Soddisfatto del ritorno in libertà del cane anche il Movimento Animalista di Michela Brambilla. "Abbiamo vinto tutti - spiega Rinaldo Sidoli, responsabile centro studi del movimento - una battaglia di libertà contro una detenzione illegittima e illogica. Abbaiare è un diritto esistenziale dei cani. L'allontanamento coatto pregiudicava il benessere dell'animale”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato