Contenuto sponsorizzato

Ecco il momento in cui Miro esce finalmente dal canile e l'abbraccio dei suoi padroni - VIDEO

Ieri la decisione per il dissequestro.  Era stato sequestrato dai carabinieri il 22 marzo su provvedimento giudiziario dopo alcune denunce di un vicino di casa, perché abbaiava troppo

Di G.Fin - 12 aprile 2018 - 15:17

ROVERE' DELLA LUNA. Nel primo pomeriggio di oggi Miro ha fatto finalmente ritorno a casa. I proprietari, assieme all'avvocata Cecilia Venturini, si sono recati al canile di Rovereto e hanno potuto riabbracciare il proprio cane per portarlo poi a Roveré della Luna.

 

 

Ieri i giudici del tribunale di Trento avevano accolto la richiesta di dissequestro del cane.

 

La vicenda è iniziata il 22 marzo scorso quando si sono presentati i carabinieri mandati dal giudice, in esecuzione di un provvedimento giudiziario, per prelevare il cane e portarlo al canile. Il motivo? Le lamentele e le querele, di alcuni vicini di casa perchè il cane “abbaia troppo”.

 

Immediatamente dalla proprietaria, Eva Munter, è stata lanciata una petizione sulla piattaforma change.org che ha raccolto in poche settimana oltre 240 mila firme. Un'adesione imponente che è stata usata anche dall'avvocata Venturini per chiedere il dissequestro di Miro.

 

“E' pura gioia” spiega Eva Munter mentre proprio in questi minuti sta facendo ritorna a casa con Miro.

 

 

Soddisfatto del ritorno in libertà del cane anche il Movimento Animalista di Michela Brambilla. "Abbiamo vinto tutti - spiega Rinaldo Sidoli, responsabile centro studi del movimento - una battaglia di libertà contro una detenzione illegittima e illogica. Abbaiare è un diritto esistenziale dei cani. L'allontanamento coatto pregiudicava il benessere dell'animale”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato