Contenuto sponsorizzato

Era stato condannato per resistenza e lesioni, arrestato per spaccio a Rovereto

I poliziotti sono entrati in azione nei giardini Perlasca a Rovereto, quando si sono imbattuti in un gambiano senza fissa dimora. I controlli hanno accertato la presenza di 10 grammi di marijuana pronti per essere venduti

Pubblicato il - 07 dicembre 2018 - 18:21

ROVERETO. In manette un 25enne "pizzicato" con 10 grammi di marijuana. Una quantità piuttosto bassa, poco meno di una bustina di zucchero per il caffè, ma sul suo capo pendeva una condanna a 8 mesi emessa dal Tribunale di Roma per reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali commessi nella capitale nel marzo scorso.

 

I poliziotti sono entrati in azione nei giardini Perlasca a Rovereto, quando si sono imbattuti in un gambiano senza fissa dimora. I controlli hanno accertato la presenza di 10 grammi di marijuana pronti per essere venduti. 

 

Il 25enne è stato portato in commissariato, qui è stato denunciato per detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio e quindi arrestato in quanto destinatario di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Roma.

 

Il gambiano, come anticipato, deve scontare 8 mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali commessi a Roma nel corso della scorsa primavera.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 11:33

In quarantena ci sono 282 persone e sono finora 10.934 i cittadini ai quali sono state imposte misure di isolamento

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato