Contenuto sponsorizzato

Arrestato a Verona lo scorso anno, è tornato a spacciare in piazza Dante, nei guai un 25enne

I controlli della squadra mobile hanno visto la scorsa settimana l'arresto di quattro persone: tre per spaccio di sostanze stupefacenti, ed una sospensione cautelativa della misura alternativa alla detenzione

Pubblicato il - 12 febbraio 2019 - 10:32

TRENTO. Era già stato arrestato nel 2018 a Verona perché trovato in possesso di circa 270 grammi di stupefacente. Al giovane 25enne, però, questo non è evidentemente bastato visto che l'8 febbraio scorso la squadra mobile di Trento lo ha rintracciato in piazza Dante e, a seguito di un controllo, è stato trovato in possesso di 122 grammi di marjiuana che teneva nascosti nei risvolti della giacca.

 

Questo è uno dei quattro arresti che le squadre guidate dal vicequestore Salvatore Ascione sono riuscite a portare a termine la scorsa settimana a conferma della ferma azione di controllo del territorio voluta dal Questore di Trento contro la microcriminalità.

 

Le attività di repressione hanno visto all’inizio della settimana altri due arresti da parte delle volanti impegnate in azione di contrasto nel centro cittadino.

 

Lunedì è stato arrestato un nigeriano, sempre 25enne, fermato con addosso circa 10 grammi di marjiuana e 160 euro. Due anni più giovane, invece, il ragazzo tunisino che le volanti hanno bloccato sempre in piazza Dante e trovato con diversi ovuli di cocaina.

 

Venerdì scorso, invece, a finire nei guai è stato un cittadino italiano del 1958, per sospensione cautelativa della misura alternativa, poiché doveva ancora scontare la pena di 4 mesi, per reati contro il patrimonio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 aprile - 12:03

Ieri la scoperta della polizia locale oggi emergono i dettagli dell'inchiesta: una ditta dell'Alta Valsugana aveva messo in piedi questo macabro business. I resti provenivano da cimiteri del Veneto

18 aprile - 12:26

Continuano le operazioni di controllo nei locali pubblici frequentati dai giovani. Nella città della Quercia nel weekend sono stati controllati 10 esercizi pubblici mentre la compagnia di Cles è stata in tre locali

18 aprile - 06:01

Il critico d'arte sull'incendio: ''Tanti cantori di sventure pieni di dolore e sgomento per una cosa triste, ma fisiologica''. Sul palazzo delle Albere: ''Fondamentale riabilitarlo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato