Contenuto sponsorizzato

Erano i soldi di Natale per la borsa di studio della figlia, trovata busta piena di denaro: ''Aiutateci a rintracciare la proprietaria''

Subito consegnata alla Polizia. L'appello su Facebook da parte di chi l'ha recuperata  a mezzanotte di giovedì e si è subito prodigata per cercare chi l'ha persa. Assieme agli euro - tanti - c'era anche questo biglietto: "La tua borsa di studio, bambola. Vieni presto. Un abbraccio fortissimo, mamma". 

Pubblicato il - 07 dicembre 2018 - 09:38

TRENTO. Disavventura che si spera – il tempo natalizio dovrebbe essere più o meno portatore di bontà – possa diventare presto una bella storia. Un lieto fine. La storia è questa. Ieri l’altro notte – più o meno a mezzanotte di giovedì 6 dicembre – Katia Cont e una sua collega di lavoro erano di ritorno dal teatro Sociale. Ci erano state per lavoro - la stagione di prosa con le magiche note di Fresu -  essendo Katia insostituibile punto di riferimento organizzativo e della comunicazione del Centro Santa Chiara.

 

Arrivate all’altezza del Torrione di Piazza Fiera, Katia si è accorta di una busta bianca: in terra, nemmeno tanto nascosta alla vista. Ma tuttavia, quasi miracolosamente visto la zona di passaggio affollato a tiro Mercatino, lasciata lì. La dipendente del Santa Chiara l’ha presa. L’ha aperta (era chiusa per bene) e ci ha trovato dentro un sacco – ma proprio un sacco – di euro.

 

Con la considerevole cifra c'era anche un biglietto, rivolto a Marta che presumibilmente è una studentessa. “La tua borsa di studio, bambola. Vieni presto! Un abbraccio fortissimo. Mamma”. Un biglietto affettuoso che ha colpito Katia Cont e la collega, immediatamente convinte che bisognava far di tutto per recuperare chi aveva perso busta e soldi e chi doveva riceverli.

 

“Passava una pattuglia della Polizia – dice Katia Cont – l’abbiamo fermata. Abbiamo spiegato quel che era successo e abbiamo affidato loro i soldi invitando i poliziotti a far di tutto”. Poi Katia si è affidata ai social. Ha postato sui Facebook la foto del biglietto ed ha lanciato il suo appello affinché si possano individuare madre o figlia. “Un dovere – dice – tornando a casa mi sono immaginata la disperazione di chi ha perso la busta con i soldi, magari gli sforzi per metterli assieme.

 

Lì al Torrione c’è il bancomat di una rurale. Forse quei soldi sono stati prelevati lì e poi tra sciarpe, borse, fretta la busta è andata persa. Speriamo che questa vicenda possa finire bene”. Si vedrà. Non è facile, ma è possibile. I social in quest’era di scemenze cliccate attimo dopo attimo non sono esattamente un segno di progresso. Ma se l’uso dei social è “di servizio” – come in questo caso – potrebbero venire utili.  Chi avesse qualche informazione si faccia dunque avanti. Con la Polizia, su Facebook e anche con noi de il Dolomiti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato