Contenuto sponsorizzato

Erano i soldi di Natale per la borsa di studio della figlia, trovata busta piena di denaro: ''Aiutateci a rintracciare la proprietaria''

Subito consegnata alla Polizia. L'appello su Facebook da parte di chi l'ha recuperata  a mezzanotte di giovedì e si è subito prodigata per cercare chi l'ha persa. Assieme agli euro - tanti - c'era anche questo biglietto: "La tua borsa di studio, bambola. Vieni presto. Un abbraccio fortissimo, mamma". 

Pubblicato il - 07 dicembre 2018 - 09:38

TRENTO. Disavventura che si spera – il tempo natalizio dovrebbe essere più o meno portatore di bontà – possa diventare presto una bella storia. Un lieto fine. La storia è questa. Ieri l’altro notte – più o meno a mezzanotte di giovedì 6 dicembre – Katia Cont e una sua collega di lavoro erano di ritorno dal teatro Sociale. Ci erano state per lavoro - la stagione di prosa con le magiche note di Fresu -  essendo Katia insostituibile punto di riferimento organizzativo e della comunicazione del Centro Santa Chiara.

 

Arrivate all’altezza del Torrione di Piazza Fiera, Katia si è accorta di una busta bianca: in terra, nemmeno tanto nascosta alla vista. Ma tuttavia, quasi miracolosamente visto la zona di passaggio affollato a tiro Mercatino, lasciata lì. La dipendente del Santa Chiara l’ha presa. L’ha aperta (era chiusa per bene) e ci ha trovato dentro un sacco – ma proprio un sacco – di euro.

 

Con la considerevole cifra c'era anche un biglietto, rivolto a Marta che presumibilmente è una studentessa. “La tua borsa di studio, bambola. Vieni presto! Un abbraccio fortissimo. Mamma”. Un biglietto affettuoso che ha colpito Katia Cont e la collega, immediatamente convinte che bisognava far di tutto per recuperare chi aveva perso busta e soldi e chi doveva riceverli.

 

“Passava una pattuglia della Polizia – dice Katia Cont – l’abbiamo fermata. Abbiamo spiegato quel che era successo e abbiamo affidato loro i soldi invitando i poliziotti a far di tutto”. Poi Katia si è affidata ai social. Ha postato sui Facebook la foto del biglietto ed ha lanciato il suo appello affinché si possano individuare madre o figlia. “Un dovere – dice – tornando a casa mi sono immaginata la disperazione di chi ha perso la busta con i soldi, magari gli sforzi per metterli assieme.

 

Lì al Torrione c’è il bancomat di una rurale. Forse quei soldi sono stati prelevati lì e poi tra sciarpe, borse, fretta la busta è andata persa. Speriamo che questa vicenda possa finire bene”. Si vedrà. Non è facile, ma è possibile. I social in quest’era di scemenze cliccate attimo dopo attimo non sono esattamente un segno di progresso. Ma se l’uso dei social è “di servizio” – come in questo caso – potrebbero venire utili.  Chi avesse qualche informazione si faccia dunque avanti. Con la Polizia, su Facebook e anche con noi de il Dolomiti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 gennaio - 19:59
Trovati 2.669 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 2.449 guarigioni. Sono 165 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul [...]
Cronaca
20 gennaio - 20:40
"La mafia quando arriva in un territorio ne uccide la bellezza e anche le relazioni'' spiega a ilDolomiti l'avvocata e vicepresidente nazionale di [...]
Cronaca
20 gennaio - 18:36
La tragedia è avvenuta al lago di Santa Giustina. Vani i tentativi dei soccorsi. Fatale un malore per Marco Widmann di 65 anni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato