Contenuto sponsorizzato

Esce dal rifugio e scivola in un canalone, 59enne in gravissime condizioni al Santa Chiara

L'uomo si trovava al rifugio Vajolet con altri amici. L'allarme è stato lanciato a mezzanotte e sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Pozza di Fassa, il Soccorso Alpino e i soccorsi sanitari che hanno trasportato l'uomo in elicottero all'ospedale di Trento

Di gf - 01 luglio 2018 - 09:56

VIGO DI FASSA. E' stato trasportato in gravissime condizioni all'ospedale Santa Chiara di Trento, l'uomo di 59 anni, che ieri sera in prossimità del rifugio Vajolet, situato nel gruppo del Catinaccio, è caduto in un canale ferendosi gravemente.

 

L'uomo, appartenente al Cai di Padova, si trovava assieme ad altri al rifugio per passare la notte. Attorno a mezzanotte dal rifugio è stato dato l'allarme e sul posto si sono portati i vigili del fuoco volontari di Pozza di Fassa, gli uomini del Soccorso alpino e i mezzi sanitari con un'auto sanitaria, l'ambulanza della Croce Rossa e l'elicottero.

 

L’uomo, secondo le prime informazioni, era uscito in serata con altre due persone per andare incontro a una cordata che si era attardata. Sul sentiero che porta al passo delle Pope è precipitato in un canale per una decina di metri, a una quota di 2200 m . Le operazioni per il recupero sono state molto lunghe e non facili. Dopo essere stato recuperato, il ferito è stato trasportato presso il rifugio dove i sanitari hanno stabilizzato le sue condizioni prima di trasportarlo poi in elicottero al Santa Chiara.

 

Le operazioni sono iniziate attorno a mezzanotte e sono terminate poco dopo le 4 di questa mattina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato