Contenuto sponsorizzato

Esibisce un passaporto falso e in macchina nasconde oggetti rubati per 40 mila euro, arrestato un 20enne

Macchine fotografiche, abbigliamento, argenteria e monete antiche, profumi e penne di pregio. Questo il bottino dei furti messi a segno tra ottobre e novembre in due case in via della Cervara e nel periodo estivo in un'abitazione in collina

Di Luca Andreazza - 13 novembre 2018 - 12:49

TRENTO. E' stato fermato per un normale controllo e in quel momento ha esibito un passaporto falso. Da lì è scattata la perquisizione alla vettura e la polizia ha rinvenuto un tesoretto di oggetti rubati, refurtiva dal valore di quasi 40 mila euro. Arresto confermato dopo il processo per direttissima un 20enne di origine albanese e denunciati per ricettazione altre due suoi connazionali.

 

"L'attività di maggiore controllo voluta dal questore Giuseppe Garramone - spiega Salvatore Ascione, vice questore di Trento - porta già diversi risultati a seguito del grande lavoro nelle piazze, ma anche nel corso della notte, quando si tengono diversi controlli".

 

Macchine fotografiche, abbigliamento, argenteria e monete antiche, profumi e penne di pregio. Questo il bottino dei furti messi a segno tra ottobre e novembre in due case in via della Cervara e nel periodo estivo in un'abitazione in collina. Nel mirino in queste occasioni gli appartamenti di un un notaio, un imprenditore e un sotto-ufficiale dell'esercito.

 

Succede tutto intorno alle 2 della notte tra sabato 9 e domenica 10 novembre, la polizia ferma un'Audi A3 di colore nero in zona industriale a Trento Nord. A bordo ci sono tre uomini e la polizia avvia i controlli dei documenti. 

 

Qualcosa non quadra e, infatti, il passaporto di un uomo, classe '98, risulta falso. E così scattano ulteriori controlli che portano al rinvenimento della refurtiva. Si è arrivati così al giudizio per direttissima, nel corso del quale il 20enne, assistito nell'udienza dagli avvocati Nicola Zilio e Alessandro Falzoni si è avvalso della facoltà di non rispondere, è stato arrestato, mentre sono finiti nei guai anche gli altri due occupanti dell'abitacolo, rispettivamente classe '91 e '93, denunciati per ricettazione

 

Le attività sul territorio hanno inoltre portato alla denuncia per uno spacciatore (martedì 6 novembre), mentre doppio colpo venerdì 9 novembre, in carcere un cittadino marocchino che aveva la sospensione cautelare a seguito di un ordine di carcerazione e la notifica del divieto di dimora per un protagonista dell'operazione Bombizona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 06:01

Si riaccende lo scontro sulla nomina di Divina a presidente del Centro Santa Chiara, Ghezzi: “L'assessore conferma la sua straordinaria faccia tosta, anziché prendere le distanze tira in ballo l’articolo 21 per difendere una figura vicina al suo partito”. E sulla nomina rincara la dose: “Pur di piazzare un uomo di fiducia sono state forzate le leggi”

28 maggio - 23:41

L'episodio sarebbe avvenuto nella giornata di mercoledì 27 maggio e in agenda c'era un incontro per discutere sulla disponibilità delle piazze per alcuni eventi. Il dj roveretano vorrebbe organizzare i Mercatini di autunno e Natale tra piazza Fiera e piazza Battisti a Trento, ma gli spazi non sarebbero stati concessi

28 maggio - 18:31

L'episodio è stato ripreso e il visto postato sui social. Ora è intervenuto il coordinamento ambientalista trentino formato da Enpa, Lav, Lac, Lipu, Pan-Eppaa e Wwf

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato