Contenuto sponsorizzato

Fanno saltare un bancomat nella notte, posti di blocco in Val di Non per individuare i malviventi

E' successo a Ton, nella frazione di Vigo, alle 3 della mattina. Indagano i carabinieri

Pubblicato il - 12 ottobre 2018 - 08:50

TON. Il colpo è avvenuto nella notte, quando alcuni malviventi hanno fatto esplodere il bancomat della filiale della Cassa Rurale della Val di Non della frazione di Vigo di Ton, in via Roma 5. L'esplosione è avvenuta verso le 3, facendo attivare l'allarme subito raccolto dai carabinieri.

 

I militari, giunti sul posto, hanno però mancato i ladri che si erano già dileguati. Sono state subito attivate le ricerche, con l'attivazione di un posto di blocco alla Rocchetta che però, fino ad ora, non ha dato esito. Sul fatto indagano i carabinieri che all'interno della filiale stanno raccogliendo le informazioni necessarie all'individuazione dei colpevoli.

 

L'esplosione del bancomat non ha causato danni né alla casa né alle automobili vicine. Il terminale è stato divelto e ad ora non è chiaro se i malviventi siano riusciti a prelevare i contanti contenuti all'interno e in quale quantità. Il colpo della scorsa notte segue altri colpi che si sono verificati nelle ultime settimane, sempre in Trentino.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 11:09

Nel bollettino quotidiano sulla situazione Coronavirus in provincia di Bolzano, l'azienda sanitaria comunica che ci sono stati 183 nuovi casi di positività, su un numero di tamponi effettuati piuttosto basso. L'indice contagi/tamponi rimane attorno al 18%, mentre terapie intensive e ricoveri aumentano. Nella giornata di lunedì 30 novembre entra in vigore, nel frattempo, l'ordinanza che dà avvio alle riaperture

30 novembre - 10:14

Cambio al vertice della classifica della qualità della vita realizzata da Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma. Una sorta di staffetta tra prima e seconda: quest'anno è Pordenone sul podio, seguita da Trento. Nella scorsa edizione le parti erano invertite

30 novembre - 10:19

Con Austria e Svizzera già attive o in procinto di aprire gli impianti, le regioni italiane cercano un punto di incontro col governo. Gli assessori: "La soluzione che proponiamo permette di avviare la stagione invernale con gradualità. Saremo in grado di sapere con precisione il numero degli avventori per ogni giorno e in questo modo potremo gestire al meglio l’afflusso e il deflusso agli impianti di risalita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato