Contenuto sponsorizzato

Furto a Cinformi, malintenzionati scassinano i distributori delle bevande ed entrano negli uffici

Si tratterebbe di ladruncoli alla ricerca di soldi. Indagano le forze dell'ordine 

Foto Cinformi
Pubblicato il - 15 January 2018 - 09:22

TRENTO. Furto nella notte tra sabato e domenica a Cinformi in via Lunelli a Trento nord. Dei ladri sono riusciti ad entrare nell'edificio da una terrazza rompendo una finestra e arrivando poi al secondo piano.

 

I malintenzionati hanno messo le mani sui distributori di bevande alla ricerca delle monete presenti e successivamente sono riusci ad entrare in alcuni uffici a rovistare tra le pratiche. E' stato visitato anche l'ufficio del coordinatore Pierluigi La Spada. Da una prima ricognizione non sembra mancare nulla negli uffici, nemmeno i computer portatili presenti. Per questo l'ipotesi è che si tratterebbe di un'azione messa in atto da alcuni ladruncoli che avevano come unico fine la ricerca di soldi.

 

Sul posto, ieri mattina, sono intervenute le forze dell'ordine che hanno avviato le indagini per rintracciare gli autori del furto.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 January - 07:58

La posizione della giovane potrebbe essere archiviata nei prossimi giorni.  Gli investigatori stanno cercando di ricostruire con esattezza cosa possa essere successo in quel 'buco' di 40 minuti nel tragitto tra Bolzano e Ora. La ricostruzione fatta per ora dagli investigatori è che proprio quei minuti siano serviti al figlio della coppia per mettere i genitori senza vita in auto e gettarli poi nell'Adige

24 January - 17:00

Dopo decenni di discussioni il Consiglio comunale di Rovereto ha approvato all’unanimità una mozione per impegnare la Giunta a elaborare un progetto concreto di collegamento ferroviario fra Rovereto e Garda. Il sindaco: “Guardiamo al futuro della mobilità sostenibile”. L’ingegnere che ha esteso il documento punta sul tram-treno: “Con un progetto di questo tipo una persona potrebbe salire a Riva del Garda e scendere a Trento senza cambiare mezzo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato