Contenuto sponsorizzato

Gesù, Giuseppe e Maria come i profughi su una zattera nel mare. A Trento davanti alla chiesa il presepe dei migranti

E' comparso davanti la chiesa del Santissimo in corso Tre Novembre. Una Natività diversa e originale ma carica di simboli e significati

Pubblicato il - 14 dicembre 2018 - 10:39

TRENTO. Un presepe che vuole richiamare il viaggio terribile che sono costretti a fare i migranti per attraversare il mare e raggiungere le coste italiane. E' apparso davanti la chiesa del Santissimo in Corso Tre Novembre.

 

Non si sa al momento chi sia stato l'autore di questa originale Natività ma già in tanti applaudono all'iniziativa che riporta l'attenzione sugli ultimi, su quelli che sono la parte più fragile della nostra società, su quelli che scappano da povertà e persecuzioni.

 

E' stato usato un telo azzurro per creare il mare, una zattera di legno e sopra ci sono Giuseppe con un remo e Maria che accudisce un bambino che si trova all'interno a dei salvagenti di colore arancione che fungono da mangiatoia.

 

Il tutto è stato posizionato all'entrata della chiesa ed ha già destato molta curiosità tra i cittadini. L'immagine è già stata condivisa sui social network e già si annuncia polemica. Il presidente della Provincia, appena insediato, ha chiesto presepi e crocifissi nei luoghi pubblici e al tempo stesso ha cacciato dei richiedenti asilo da Trento. Qualcuno ha voluto ricordargli che Giuseppe e Maria erano a loro volta profughi in fuga da una persecuzione (QUI ANALISI).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato