Contenuto sponsorizzato

Il pullman s'infila nella ciclabile e la percorre tra ciclisti e passanti

Ieri mattina la scena surreale. La corriera ha percorso circa 3 chilometri da Ponte San Giorgio al ponte di Roncafort

Foto Facebook
Pubblicato il - 11 settembre 2018 - 12:13

TRENTO. Calzoncini, polsini per asciugare il sudore, cuffiette nelle orecchie e un pullman che ti suona alle spalle chiedendo strada. E' successo questo, ieri mattina, sulla ciclabile lungo l'Adige che da Trento arriva a Gardolo.

 

Una corriera si è infilata nel percorso ciclopedonale percorrendolo per diversi chilometri, a passo d'uomo, una volta che l'autista si è reso conto di trovarsi circondato da persone che facevano footing, andavano in bicicletta o semplicemente passeggiavano serene. Ancora una volta, probabilmente, l'errore è stato causato da un gps ingannevole che ha fatto deviare il mezzo sulla strada vietata ai veicoli all'altezza del Ponte di San Giorgio.

 

A quel punto all'autista non è rimasto altro da fare che percorrerla prestando il massimo dell'attenzione fino al ponte di Roncafort. Qui ha trovato uno slargo e con diverse manovre è riuscito a girarsi e a riprendere la tangenziale. Nessuno si è fatto male ma certo la sorpresa è stata tanta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 gennaio - 09:23

Dopo la morte di Matiu la dura presa di posizione de Il gioco degli specchi: “È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra. Nel mirino anche Segnana che sostiene che i posti letto sia sufficienti: “Le persone costrette a dormire all’aperto sono ancora tante”

24 gennaio - 08:17

La giovane ha consegnato agli inquirenti i vestiti che Benno la sera del 4 gennaio aveva lasciato a casa sua per essere lavati. Intanto continuano senza sosta le ricerche dei corpi dei due coniugi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato