Contenuto sponsorizzato

Entra nella corsia degli autobus ed esce dal passaggio pedonale, manovra pericolosa in piazza Dante

E' successo ieri pomeriggio intorno alle 18. L'auto dopo aver imboccato la corsia degli autobus davanti la stazione è ritornata in strada utilizzando il passaggio pedonale 

Pubblicato il - 05 agosto 2018 - 14:01

TRENTO. Purtroppo chi lavora per Trentino trasporti sa che capita: delle auto si sbagliano e imboccano la corsia riservata agli autobus salvo poi accorgersi che la carreggiata è occupata dagli bus in transito e allora, per non perdere tempo, si buttano sulle strisce pedonali e si immettono su via Dogana.

 

Una manovra pericolosa e non a norma, avvenuta ieri pomeriggio alle 18 davanti alla stazione dei treni, in piazza Dante. Tutto si è svolto come da copione: l'auto dopo essersi accorta di aver imboccato per sbaglio la corsia utilizzata dagli autobus urbani per accostarsi alle fermate, ha scelto l'uscita del passaggio pedonale per riimettersi in strada.

 

Il tutto sotto gli occhi dei cittadini che erano presenti sul posto increduli e stupiti e ai pedoni che hanno dovuto aspettare la ''mossa'' della macchina prima di poter percorrere in sicurezza le strisce pedonali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato