Contenuto sponsorizzato

Incidente mortale in montagna, è Giampaolo De Concini la vittima

L'allarme è stato lanciato dal compagna che si trovava assieme lungo il sentiero.  I soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso

Pubblicato il - 22 luglio 2018 - 15:51

TUENNO. È Giampaolo De Concini, 64 anni di Tuenno, l'uomo vittima questa mattina della tragedia avvenuta in val di Tovel.

 

Le operazioni di recupero della salma si sono concluse verso le 13. L'uomo è precipitato per circa 25 metri mentre stava attraversando una cengia tra Pian della Nana e la val Madris, in Val di Tovel nei pressi del Pass de L’Om, a una quota di circa 2200 metri.

Il compagno che si trovava con lui ha dato subito l’allarme chiamando il Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 10.40.

 

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino Occidentale ha chiesto l’intervento dell’elicottero che ha caricato a bordo il personale del Soccorso Alpino e lo ha verricellato sul luogo dell’incidente. I soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’escursionista. La salma è stata trasportata all’ospedale di Cles.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 09:06

Ogni elettore potrà votare nel proprio seggio, indicato sulla tessera elettorale personale oggi dalle ore 7 alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15

19 settembre - 20:24

Le associazioni ambientaliste intervengono dopo il falso attacco ai due forestali: “Strano che Fugatti ne abbia parlato solo dopo le due sentenze del Tar. L’attuale non gestione dei grandi carnivori ha rimosso tutta la corretta informazione, spingendo invece su quella denigratoria”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato