Contenuto sponsorizzato

L'animatore rubava gli skipass dei ragazzini per ottenere la cauzione, scoperto dai carabinieri

L'autore dei furti era un ventenne milanese che operava in una struttura alberghiera di Marilleva. La denuncia per la scomparsa dei pass era stata fatta dallo stesso proprietario dell'hotel. Il giovane si è "tradito" andando a incassare l'equivalente per la refurtiva

Pubblicato il - 02 marzo 2018 - 11:37

MARILLEVA. E' stato ritenuto responsabile del furto di oltre 100 skipass un ventenne incensurato milanese che faceva l'animatore in un hotel di Marilleva. L'indagine è partita dopo che il responsabile della struttura ha denunciato alla stazione dei carabinieri di Mezzana il furto di 134 skipass.

 

I pass erano scomparsi, in buna parte, di notte e senza alcun segno di effrazione. Erano stati sfilati dalle giacche da sci utilizzate dai giovani ospiti della struttura che erano stati abbandonati nella stanza dei giochi. Subito tutte le indagini si sono concentrate su una persona interna all’albergo, una che conosceva bene le abitudini dei ragazzi. E, infatti,  a sottrarre i titoli è risultato essere qualcuno che in quella stanza ci passava del tempo organizzando momenti di svago per i più piccoli vacanzieri.

 

I militari, non avendo reperito utili tracce sul luogo del furto, hanno “sperato” che il ladro monetizzasse il maltolto (infatti il piano era proprio questo: la restituzione di ogni tessera da luogo alla restituzione di una cauzione di 5 euro) recapitando presso una delle biglietterie qualche skipass. Insomma, i militari dell'arma confidavano che commettesse una leggerezza e così si  palesasse. L'altra sera l'errore è stato compiuto. Il ventenne si è presentato in biglietteria chiedendo la restituzione della cauzione di 5 skipass.

 

I titoli in questione, segnalati ai diversi uffici come rubati, hanno fatto scattare l’allarme e la richiesta di intervento dei carabinieri in servizio sulle piste da sci del comprensorio che, sul posto, hanno identificato il reo. L’animatore non ha potuto che ammettere di aver personalmente sottratto le tessere eha restituito le 90 che ancora deteneva all’interno della sua camera che, se restituite, avrebbero potuto fruttargli altri 450 euro. Intanto qualche giorno prima presso un distributore automatico, qualcuno aveva già restituito 40 skipass incassando 200 euro in contant

 

Scoperto dai Carabinieri sciatori della Stazione di Mezzana il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Trento per il reato di furto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 11:13

Le immagini sono al vaglio della polizia locale: una volta identificato, l’autore, dovrà rispondere di “furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede” e “vilipendio di tombe”. L’anno scorso due donne erano state denunciate per gli stessi reati

05 luglio - 10:50

Nei normali reparti dei sette ospedali dell'Azienda sanitaria, nelle cliniche private e nella base logistica dell'Esercito appositamente attrezzata a Colle Isarco sono ricoverati complessivamente 5 pazienti affetti da Covid-19. Sono 6 le persone ospitate come casi sospetti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato