Contenuto sponsorizzato

L'auto parcheggia all'ombra del divieto e gli autosnodati non passano

Questa situazione si ripete spesso a Povo al Polo Sociale. La cosa sta creando non pochi disagi a Trentino trasporti visto che i mezzi poi finiscono per fare manovra sull'aiuola e il marciapiede 

Pubblicato il - 20 aprile 2018 - 19:48

TRENTO. Capita spesso, troppo spesso e la cosa sta diventando un vero problema per Trentino trasporti perché molte corse finiscono per subire ritardi e diversi mezzi poi riportano danni a gomme e assi.

 

A Povo al Polo Sociale spesso e volentieri è questa la situazione di fronte alla quale si trovano gli autisti dei mezzi pubblici. In particolare i problemi maggiori li riscontrano gli autosnodati che in quel punto dovrebbero girarsi per tornare verso la città ma che invece finiscono per restare imbottigliati e, nel tentativo di passare lo stesso per evitare ritardi, salgano sulle aiuole e i marciapiede mettendo a rischio ruote e assi.

 

La foto in questione è particolarmente simbolica. Il divieto di sosta è evidente, ma all'automobilista in questione, evidentemente, importa poco. E' stata scattata poco prima delle 19 e anche oggi ha causato problemi alla linea 5, quella presa da pendolari e studenti che poi si trovano a misurarsi con ritardi e coincidenze saltate. Della serie come un piccolo gesto di inciviltà crea a cascata molti disagi a tanti altri cittadini, magari scatenando rabbia e dissapori verso gli incolpevoli autisti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato