Contenuto sponsorizzato

L'avevano violentata a turno e poi rapinata, arrestato un quinto uomo

In manette un nigeriano di 26 anni domiciliato presso la residenza "Fersina"

Pubblicato il - 12 March 2018 - 13:23

TRENTO. E' stato arrestato martedì scorso il quinto uomo originario della Nigeria coinvolto nella violenza sessuale di gruppo e rapina avvenuta il 25 novembre a Trento, per la quale erano già stati arrestati altri quattro connazionali.

 

Si tratta di Ohue Monphy, 26 anni, domiciliato a Trento alla struttura di accoglienza “Fersina”.

 

L'operazione iniziata venerdì 1 dicembre, aveva consentito agli investigatori di individuare un gruppo di nigeriani, tutti richiedenti asilo, che alcuni giorni prima avevano abusato sessualmente una giovane ragazza nigeriana.

 

Quest'ultima, secondo quando raccolto dagli investigatori della squadra mobile, si trovava a Trento per far visita ad una sua connazionale. La giovane, all’atto della denuncia raccontava che, mentre si trovava nei pressi di un bar, veniva costretta da alcuni uomini, sotto minaccia, a recarsi nel vicino parco. Qui gli uomini approfittavano sessualmente di lei, violentandola a turno.

 

Dopo l’atto la minacciavano nuovamente di ulteriori ritorsioni se avesse chiesto aiuto alla Polizia. La donna, benché impaurita, è riuscita comunque a chiedere aiuto facendo avviare così le indagini.

 

Dopo i necessari riscontri la ragazza ha riconosciuto i suoi carnefici, 3 dei quali sono stati tratti in arresto il 1 dicembre ed un quarto il 9 gennaio 2018.

 

Dopo i primi provvedimenti cautelari gli investigatori sono riusciti a stringere il cerchio sul quinto componente della banda che è stato arrestato, a seguito dell’emissione di custodia cautelare in carcere, il 9 marzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 16:25

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato