Contenuto sponsorizzato

L'uomo che ha ucciso Andrea Cozzatti ha confessato: colpito con un coltello da cucina. Si tratta di Salvatore Mulas

Salvatore Mulas, 56 anni, di Trento, era stato portato in questura ieri sera per essere interrogato. Nella notte l'ammissione. Andrea Cozzatti sarebbe stato colpito alla schiena con un coltello da cucina 

Di gf, db - 26 March 2018 - 10:19

TRENTO.  Nel corso dell'interrogatorio di questa notte l'uomo portato in questura, Salvatore Mulas, avrebbe confessato di aver ucciso Andrea Cozzatti a seguito di una lite finita male.

L'uomo che risiede nell'appartamento dove Cozzatti è stato trovato riverso sul pavimento ieri sera, lo avrebbe colpito alla schiena con un coltello da cucina.  L'arma  sembra essere stata poi trovata a casa dagli inquirenti. 

 

 

L'omicidio è avvenuto ieri sera in via Maccani 22. L'allarme è stato dato attorno alle 20.45.  Nella versione iniziale dell'uomo, che poi questa notte ha ammesso l'omicidio, aveva raccontato alle forze dell'ordine che Andrea Cozzatti era stato accoltellato in piazza e poi si sarebbe diretto verso il suo appartamento per essere aiutato. Un versione alla quale le forze dell'ordine non avevano creduto. Immediatamente era stata controllata l'area in prossimità della casa per verificare se erano presenti tracce di sangue ma non era stato trovato nulla.

 

Il presunto omicida attorno alle 22.30 indossando una tuta bianca della scientifica per evitare che eventuali tracce ematiche sui vestiti venissero cancellate è stato quindi portato in questura per essere interrogato. 

 

Il sostituto procuratore Marco Gallina ha disposto l'autopsia sul corpo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 December - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 December - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 December - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato