Contenuto sponsorizzato

Malore alla diga di Santa Giustina, un uomo si sente male a metà della passerella. Trasportato in elisoccorso all'ospedale

L'uomo, un tecnico che stava effettuando delle rilevazioni, si è sentito male mentre saliva lungo la passerella.  Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari di Taio e il soccorso alpino di Cles

Pubblicato il - 16 aprile 2018 - 19:04

TAIO. E' stato portato in salvo dai soccorritori del 118, assieme ai vigili del fuoco volontari di Taio e il soccorso alpino di Cles, un tecnico che questo pomeriggio stava effettuando dei controlli presso la diga di Santa Giustina quando è stato colto da un malore.

L'allarme è stato dato attorno alle 15.40. L'uomo dopo essere sceso alla base della diga stava risalendo attraverso la passerella quando tutto ad un tratto si è sentito male. La diga ha una profondità di 160 metri e l'uomo si trovava a circa 130 metri quando si è accasciato a terra.

 

Immediatamente è stato dato l'allarme e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari di Taio e il soccorso alpino che hanno accompagnato gli operatori del 118 nel punto della passerella dove si trovava l'uomo che si era sentito male. Dopo essere stato stabilizzato i vigili del fuoco hanno provveduto a riportarlo in cima alla diga. In seguito con l'elisoccorso è stato portato in ospedale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 18:29

L'uomo ha lasciato la sua casa di Quero Vas nel primo pomeriggio di ieri e da quel momento non si sono più avute notizie

18 novembre - 12:04

Il problema è più diffuso di quel che si potrebbe pensare infatti sono molti i senza fissa dimora che pur di non separarsi dall’amico animale scelgono di non accedere alle strutture residenziali, sfidando la rigidità dell’inverno e talvolta mettendo in pericolo la propria vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato