Contenuto sponsorizzato

Mario Adinolfi contro il cane Miro: ''Prima dei diritti degli animali ci sono quelli degli uomini. Alle signore consiglio sempre di fare figli''

Il leader del Popolo della Famiglia è stato ospite della trasmissione Mattino Cinque e ha parlato anche del cane prigioniero nel canile di Rovereto: "Ho visto la gabbia di Miro e in Italia una persona carcerata  non ha 4 metri per 4"

Di Giuseppe Fin - 08 April 2018 - 12:51

ROVERE' DELLA LUNA. “Non facciamo più bambini e spendiamo il doppio per i cani” e “alle signore consiglio sempre di fare figli” invece di prendersi un animale. Le parole sono di Mario Adinolfi che ieri mattina era ospite alla trasmissione “Mattino Cinque”, dove è stato trattato il caso del cane Miro, il pastore maremmano che lo scorso 22 marzo è stato sequestrato ai propri padroni dopo alcune denunce arrivate da un vicino di casa che si è lamentato per l'abbaiare notturno del cane.

 

Miro attualmente si trova nel canile Pan Ente Provinciale Protezione Animali e Ambiente a Rovereto. Il tema sta facendo discutere tutta l'Italia (e non solo) e a dimostralo sono anche le ormai quasi 240 mila firme che sono state raccolte con la petizione lanciata dalla padrona di Miro, Eva Munter, lanciata nella piattaforma change.org.

 

Ieri mattina l'intervento a “Mattino Cinque” di Mario Adinolfi che ha preso le difese del vicino di casa. “Se esiste un diritto di Miro – ha spiegato - esisterà anche un diritto della persona alla quiete notturna”. Sempre riferendosi poi alla situazione attuale del cane in canile, Adinolfi ha affermato: “Ho visto la gabbia dove si trova, una persona carcerata in Italia non ha 4 metri per 4 ed è una persona. Attenzione ad idealizzare l'animale o a renderlo antropomorfo perchè prima dei diritti degli animali vengono quelli degli umani”.

 

 

 

 

Il tema ha scaldato gli animi degli ospiti della trasmissione ed è sempre stato Adinolfi a spiegare che in Italia “spendiamo il doppio per i cani rispetto a quello che spendiamo per il children care” e nel consigliare alle signore di fare figli ha affermato: “Quando mia figlia mi ha chiesto un cane per Natale io mi sono impegnato e le ho detto che arriverà un fratellino. Abbiamo risolto così”.

 

L'attesa per Miro e i suoi proprietari è per martedì 10 aprile quando si terrà l'udienza nella quale si discuterà sul dissequestro del cane. Intanto continuano le adesioni alla petizione lanciata su change.org. In un lungo post la proprietaria di Miro, Eva Munter, ha voluto ringraziare chi fino ad oggi ha aiutato e ha espresso la propria solidarietà per quanto sta accadendo. “Credo – ha spiegato Eva nel post - che i risultati di questa petizione dicano sopratutto che le persone sentono la necessità di maggior tutela verso i propri animali, che se cani e gatti vengono considerati parte della famiglia dai loro padroni è perché hanno dei sentimenti e che, di conseguenza, quando si è costretti a procedere per vie legali non possono essere considerati come semplici oggetti”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 9 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
09 agosto - 22:30
Il ragazzo si trovava su un pedalò quando si è tuffato nel lago senza più riemergere. Le ricerche proseguiranno fino a mezzanotte, poi [...]
Cronaca
09 agosto - 17:27
Secondo i dati della Camera di Commercio di Trento quello dell'Agricoltura è il settore con il maggior numero di imprese giovanili under [...]
Montagna
09 agosto - 17:52
Il territorio del Parco delle Orobie Valtellinesi è storicamente caratterizzato dalla presenza di diversi laghi alpini e alcuni bacini [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato