Contenuto sponsorizzato

Massacrato di botte dai vicini per gelosie professionali

L'uomo è stato portato in ospedale con gravi ferite. In due lo avrebbero aggredito prendendolo a bastonate 

Pubblicato il - 16 aprile 2018 - 19:24

NOVALEDO. E' stato massacrato da due connazionali che lo hanno colpito al corpo e alla testa con un bastone di legno. La vittima è un cittadino romeno che ieri mattina è stato portato all'ospedale di Borgo Valsugana in condizioni critiche.

 

Immediatamente i medici hanno informato i carabinieri della gravità delle ferite e dopo aver sentito i familiari le forze dell'ordine hanno inviato delle indagini.

 

L'uomo massacrato di botte vive assieme ad altri connazionali a Novaledo. Sono tutti lavoratori stagionali, molti dei quali da anni, raggiungono la Valsugana e lavorano sempre per lo stesso datore.

 

Due di loro, interrogati dai carabinieri, hanno ammesso di aver assistito alla vicenda e che cioè la vittima, dopo un’accesa discussione con altri due romeni, è stata colpita al corpo e alla testa con un bastone.

 

Si è così riusciti a risalire agli autori dell’aggressione, lavoratori che vivono e lavorano nelle vicinanze che, condotti in caserma, hanno ammesso le loro responsabilità. Alla domanda sul perchè di tanta violenza hanno risposto con motivazioni futili.

 

Gli aggressori, un 35enne e un 46enne al termine degli accertamenti, sono denunciati e poi rilasciati.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 luglio - 13:11

L'assessore all'istruzione della Provincia di Trento si è distinto nelle ultime settimane per aver presenziato alle riaperture di tutte le scuole dell'infanzia possibili e immaginabili, con foto di lui in ogni posizione, e comunicati stampa al limite della propaganda. Il mondo della scuola resta tra quelli più trascurati dalla Giunta Fugatti e ancora non si hanno certezze circa le modalità di ritorno alle lezioni

09 luglio - 13:07

Superata la tensione, per la capo pattuglia, madre di due bambini, c’è stato spazio per un momento di commozione, in particolare quando la piccola, felice anche per essere salita a bordo di un’auto della polizia, è stata riportata dal padre che ha ringraziato i soccorritori

09 luglio - 12:21

Mirko Bertinazzo, coinvolto nel tamponamento in A22, è morto sul colpo quando l'auto sulla quale stava viaggiando si è scontrata con il rimorchio di un mezzo pesante. Il 38enne era seduto al posto del passeggero, in zona era conosciuto per aver militato in diverse squadre di calcio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato