Contenuto sponsorizzato

Massacrato di botte dai vicini per gelosie professionali

L'uomo è stato portato in ospedale con gravi ferite. In due lo avrebbero aggredito prendendolo a bastonate 

Pubblicato il - 16 aprile 2018 - 19:24

NOVALEDO. E' stato massacrato da due connazionali che lo hanno colpito al corpo e alla testa con un bastone di legno. La vittima è un cittadino romeno che ieri mattina è stato portato all'ospedale di Borgo Valsugana in condizioni critiche.

 

Immediatamente i medici hanno informato i carabinieri della gravità delle ferite e dopo aver sentito i familiari le forze dell'ordine hanno inviato delle indagini.

 

L'uomo massacrato di botte vive assieme ad altri connazionali a Novaledo. Sono tutti lavoratori stagionali, molti dei quali da anni, raggiungono la Valsugana e lavorano sempre per lo stesso datore.

 

Due di loro, interrogati dai carabinieri, hanno ammesso di aver assistito alla vicenda e che cioè la vittima, dopo un’accesa discussione con altri due romeni, è stata colpita al corpo e alla testa con un bastone.

 

Si è così riusciti a risalire agli autori dell’aggressione, lavoratori che vivono e lavorano nelle vicinanze che, condotti in caserma, hanno ammesso le loro responsabilità. Alla domanda sul perchè di tanta violenza hanno risposto con motivazioni futili.

 

Gli aggressori, un 35enne e un 46enne al termine degli accertamenti, sono denunciati e poi rilasciati.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato