Contenuto sponsorizzato

Modelli di treni in mostra alla stazione di Trento. Per i più piccoli un plastico dove giocare

L'iniziativa del Gruppo Pocher in sala Manzoni alla stazione dei treni di Trento. Si possono ammirare tantissimi modelli ma anche, per i più piccoli, provare i trenini di una volta in un vero e proprio plastico 

Pubblicato il - 08 dicembre 2018 - 16:39

TRENTO. Chi di noi, durante l'infanzia, non ha giocato almeno una volta con i trenini? Lo abbiamo fatto quasi tutti e per chi non lo ricorda basta entrare in stazione a Trento, nella sala Manzoni dove il Gruppo Pocher tiene i propri cimeli.

 

Modelli di treni in miniatura, pezzi unici realizzati ad arte stando attenti ad ogni minimo particolare. Proprio in queste festività natalizie l'associazione di promozione sociale Pocher apre le sue porte ai tanti turisti e appassionati.

 

Abbiamo sempre giocato con il treno” questo il titolo della nuova esposizione nella quale l'attenzione è rivolta al treno usato come giocattolo con diversi modellini utilizzati negli anni. Giocattoli d'epoca che rimangono impressi nella mente e che possono portare ad una evoluzione di una passione che prende l’avvio dal gioco per diventare molto di più.

 

All'interno della sala Manzoni è operativo dal 1996 anche un grande plastico dove è ricostruita la valle dell'Adige in corrispondenza di Trento . Si può vedere il viadotto Gocciadoro, la ferrovia della Valsugana e il celebre edificio del 1910 conosciuto come Molino Vittoria.

 

Accanto a questo vi è poi un secondo plastico dove i più piccoli si possono divertire provando modelli di treni eccezionali.



Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato