Contenuto sponsorizzato

Modelli di treni in mostra alla stazione di Trento. Per i più piccoli un plastico dove giocare

L'iniziativa del Gruppo Pocher in sala Manzoni alla stazione dei treni di Trento. Si possono ammirare tantissimi modelli ma anche, per i più piccoli, provare i trenini di una volta in un vero e proprio plastico 

Pubblicato il - 08 dicembre 2018 - 16:39

TRENTO. Chi di noi, durante l'infanzia, non ha giocato almeno una volta con i trenini? Lo abbiamo fatto quasi tutti e per chi non lo ricorda basta entrare in stazione a Trento, nella sala Manzoni dove il Gruppo Pocher tiene i propri cimeli.

 

Modelli di treni in miniatura, pezzi unici realizzati ad arte stando attenti ad ogni minimo particolare. Proprio in queste festività natalizie l'associazione di promozione sociale Pocher apre le sue porte ai tanti turisti e appassionati.

 

Abbiamo sempre giocato con il treno” questo il titolo della nuova esposizione nella quale l'attenzione è rivolta al treno usato come giocattolo con diversi modellini utilizzati negli anni. Giocattoli d'epoca che rimangono impressi nella mente e che possono portare ad una evoluzione di una passione che prende l’avvio dal gioco per diventare molto di più.

 

All'interno della sala Manzoni è operativo dal 1996 anche un grande plastico dove è ricostruita la valle dell'Adige in corrispondenza di Trento . Si può vedere il viadotto Gocciadoro, la ferrovia della Valsugana e il celebre edificio del 1910 conosciuto come Molino Vittoria.

 

Accanto a questo vi è poi un secondo plastico dove i più piccoli si possono divertire provando modelli di treni eccezionali.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato