Contenuto sponsorizzato

Modelli di treni in mostra alla stazione di Trento. Per i più piccoli un plastico dove giocare

L'iniziativa del Gruppo Pocher in sala Manzoni alla stazione dei treni di Trento. Si possono ammirare tantissimi modelli ma anche, per i più piccoli, provare i trenini di una volta in un vero e proprio plastico 

Pubblicato il - 08 dicembre 2018 - 16:39

TRENTO. Chi di noi, durante l'infanzia, non ha giocato almeno una volta con i trenini? Lo abbiamo fatto quasi tutti e per chi non lo ricorda basta entrare in stazione a Trento, nella sala Manzoni dove il Gruppo Pocher tiene i propri cimeli.

 

Modelli di treni in miniatura, pezzi unici realizzati ad arte stando attenti ad ogni minimo particolare. Proprio in queste festività natalizie l'associazione di promozione sociale Pocher apre le sue porte ai tanti turisti e appassionati.

 

Abbiamo sempre giocato con il treno” questo il titolo della nuova esposizione nella quale l'attenzione è rivolta al treno usato come giocattolo con diversi modellini utilizzati negli anni. Giocattoli d'epoca che rimangono impressi nella mente e che possono portare ad una evoluzione di una passione che prende l’avvio dal gioco per diventare molto di più.

 

All'interno della sala Manzoni è operativo dal 1996 anche un grande plastico dove è ricostruita la valle dell'Adige in corrispondenza di Trento . Si può vedere il viadotto Gocciadoro, la ferrovia della Valsugana e il celebre edificio del 1910 conosciuto come Molino Vittoria.

 

Accanto a questo vi è poi un secondo plastico dove i più piccoli si possono divertire provando modelli di treni eccezionali.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 20:29

Il decesso è avvenuto a Campitello di Fassa, un lutto che ha scosso la comunità. Ci sono 5.438 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%

04 giugno - 19:59

La motivazione usata dal presidente per i market è che le persone ormai si sarebbero disabituate a fare la spesa la domenica. Ma se il tema è certamente affrontabile (anche i sindacati chiedono le chiusure) richiede analisi e spiegazioni un po' più approfondite perché avrà ricadute in termini economici, occupazionali e di qualità dei servizi. Sulle mascherine per ora resta l'obbligo

04 giugno - 19:07
Complessivamente ci sono 5.438 casi e 468 morti legati a Covid-19 da inizio epidemia. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato