Contenuto sponsorizzato

Morto a 21 anni nella sua stanza d'albergo, a Moena l'addio a Michele Defrancesco

I funerali del giovane scomparso all'improvviso giovedì scorso in Val Badia si terranno il 13 marzo alle 14.30 alla chiesa parrocchiale del paese. Tutta la comunità pronta a stringersi alla famiglia e agli amici

Pubblicato il - 12 marzo 2018 - 18:33

MOENA. E' fissato alle 14.30 nella chiesa parrocchiale il funerale di Michele Defrancesco, il giovane ragazzo scomparso all'improvviso giovedì 8 marzo. Un fatto terribile e che ha lasciato attonita tutta la comunità delle due valli, di Fassa e di Fiemme. Michele, infatti, aveva solo 21 anni e come tutti i ragazzi della sua età aveva tantissime amicizi. Aveva frequentato la scuola secondaria Giuseppe Soraperra di Pozza di Fassa, lavorava per la ditta Euroluce di Soraga e aveva praticato sport fino a poco tempo prima in valle, lo sci, nello specifico. E pare ci sia proprio un incidente di sci all'origine della sua scomparsa. 

 

Michele, infatti, è stato trovato morto dai suoi colleghi di lavoro, giovedì mattina, nella sua camera di albergo a San Vigilio di Marebbe in Val Badia. Erano lì per fare dei lavori e il giorno prima il giovane fassano aveva avuto un incidente sugli sci. Dalle ricostruzioni degli inquirenti, che stanno indagando sul caso, il giovane non avrebbe chiesto i soccorsi in quell'occasione e sarebbe poi tornato in albergo dolorante. La mattina successive una volta sveglio avrebbe detto ai colleghi di non sentirsi bene e al loro ritorno in camera Michele era ormai esanime.

 

Il giovane lascia mamma Nicoletta, il fratello Marco e il papà Ivan e una comunità, attonita e affranta per questa improvvisa e tragica scomparsa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato