Contenuto sponsorizzato

Muore Diego Pontillo, erede della distilleria che produce l'Amaro Alpino

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Pubblicato il - 17 gennaio 2018 - 10:18

TRENTO. Era lui l'erede del famoso Amaro Alpino, il distillato trentino famoso in tutta Italia. Diego Pontillo, scomparso all'età di 78 anni, aveva preso in mano le redini dell'azienda dal padre Agostino che negli anni Trenta brevettò il prodotto a base di erbe.

 

La famiglia Pontillo si trasferì a Trento dalla Sicilia. Dopo la morte del padre, furono i fratelli a portare avanti la distilleria, con Diego che fino alla fine ha mantenuto il timone. Timone che ora passerà al figlio Niyanka Diego Pontillo. L'amaro Alpino passa così alla terza generazione.

 

I funerali di Diego Pontillo si svolgeranno oggi, mercoledì 17, alle ore 15 presso il cimitero cittadino. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.35 del 11 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 05:01

A sinistra sembra cominciato il gioco più amato di quest'area politica: la tafazziana scissione. Il partito di Boato e Coppola probabilmente conta di sfruttare l'onda lunga dei movimenti ambientalisti in Europa ma proprio nome e simbolo rischiano di renderli poco attrattivi e di legarli a vecchie logiche. Molto dispiaciuto il presidente di Futura: ''Non sarà una lista in più a darci maggiore chance di vittoria''

11 dicembre - 19:46

Il versamento a Fratelli d'Italia è apparso nell'ultima inchiesta fatta dall'Espresso. L'attuale presidente dell'associazione è Sergio Berlato, ex Alleanza Nazionale e eletto in Europarlamento quest'anno con Fratelli d'Italia. L'ex presidente dei cacciatori è stata eletta nel 2018 in Parlamento sempre con il partito della Meloni 

11 dicembre - 16:21

Il sindacato si scaglia contro il disegno di legge sponsorizzato da Fugatti “Ritorsioni della provincia verso i familiari dei condannati”. Qualora la norma fosse approvata la Fiom fa appello al governo nazionale “affinché blocchi questo gravissima e insensata deriva della democrazia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato