Contenuto sponsorizzato

Muore Diego Pontillo, erede della distilleria che produce l'Amaro Alpino

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Pubblicato il - 17 gennaio 2018 - 10:18

TRENTO. Era lui l'erede del famoso Amaro Alpino, il distillato trentino famoso in tutta Italia. Diego Pontillo, scomparso all'età di 78 anni, aveva preso in mano le redini dell'azienda dal padre Agostino che negli anni Trenta brevettò il prodotto a base di erbe.

 

La famiglia Pontillo si trasferì a Trento dalla Sicilia. Dopo la morte del padre, furono i fratelli a portare avanti la distilleria, con Diego che fino alla fine ha mantenuto il timone. Timone che ora passerà al figlio Niyanka Diego Pontillo. L'amaro Alpino passa così alla terza generazione.

 

I funerali di Diego Pontillo si svolgeranno oggi, mercoledì 17, alle ore 15 presso il cimitero cittadino. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 07:38

Modifiche alle linee guida anche per quanto riguarda gli operatori: screening una volta in settimana e se non ci sono sintomi non servono test al personale che ha già contratto Covid-19 nei mesi scorsi. Francesca Parolari, presidente di Upipa: "Se aspettiamo l'insorgenza dei sintomi o aspettiamo la positività accertata di un operatore, rischiamo di non contenere il contagio. Dobbiamo agire su entrambi i fronti"

02 dicembre - 10:58

L'Italia ha opzionato 202 milioni e 573mila dosi di vaccino che rappresentano una dotazione sufficientemente ampia per vaccinare tutta la popolazione e conservare alcune scorte di sicurezza. Il ministro: "Il nostro obiettivo è quello di raggiungere l'immunità di gregge"

30 novembre - 17:07

L’Ufficio meteorologia dell’Agenzia per la protezione civile spiega che la situazione è dovuta all’alternarsi di una serie notevole di fenomeni di alta pressione: “Il mese di novembre che sta per concludersi ha fatto registrare un numero eccezionale di ore di sole, il valore più elevato degli ultimi 35 anni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato