Contenuto sponsorizzato

Muse Social Store, l'avamposto del museo in centro storico. Luogo di scienza e di inclusione

Gli spazi di via Calepina saranno gestiti in collaborazione con la cooperativa sociale Progetto92. Punto vendita ma anche luogo di incontro, soprattutto per le famiglie

Di Donatello Baldo - 22 November 2018 - 13:36

TRENTO. Si chiama Muse Social Store e apre i battenti oggi, giovedì 22 novembre, con l'inaugurazione degli spazi di via Calepina. Spazi che erano già nelle disponibilità del museo della scienza, rimasti inutilizzati dopo il trasloco alle Albere. 

 

"Già allora - spiega Michele Lanzinger - volevamo che questa fosse una vetrina sulla città, il punto di incontro tra la ricerca scientifica e la popolazione che attraversa il centro storico. Cosa farne ora? L'idea è venuta incontrando Progetto92, una realtà con cui già collaboriamo". 

 

Via Calepina, quindi, torna a svolgere il suo ruolo di 'avamposto' per il Muse, un luogo che non sarà soltanto di promozione ma, grazie alla cooperativa che lo gestirà, anche di inclusione. "Un progetto con la finalità di creare opportunità occupazionali e laboratori nell'ambito di percorsi di socializzazione al lavoro rivolti a soggetti socialmente svantaggiati".

 

I prodotti che verranno costruiti, e messi in vendita, avranno la 'supervisione' della scienza ma saranno realizzati dagli utenti seguiti dalla cooperativa. E nello store si trovano arnie per api e bombi, casette per gli uccelli e addirittura l'hotel per gli insetti da posizionare in giardino. Ma anche giochi realizzati per 'spiegare' la scienza ai più piccoli.

 

Felice di questo nuovo progetto Marco Dalla Torre, direttore di Progetto92: "Un progetto - spiega - impastato di proposta educativa e supporto scientifico che contiene però anche la dimensione sociale. Nel centro storico è possibile creare il contatto tra chi è in difficoltà e la città stessa". 

 

Oltre a Progetto92 è partner dell'iniziativa anche il Forum delle Associazioni familiari del Trentino. "Potremo assicurare alle famiglie un punto di informazione - spiega Annalisa Pasini - con un luogo sicuro attrezzato per l'allattamento e per l'angolo morbido". L'associazione curerà la programmazione di alcune giornate, coinvolgendo le tante realtà che rappresenta. 

 

"Siamo già parte della città - spiega invece Lara Casagranda dell'Ecomuseo dell'Argentario, altro partner - ma poterci rivolgere anche ai visitatori del centro storico è un'opportunità in più. Potremo consigliare luoghi di interesse di Trento raggiungibili con l'autobus e proporre iniziative". 

 

Della squadra fa parte anche la Fondazione Demarchi, "da sempre nel sociale", sottolinea Laura Ravanelli. Del Muse Social Store coglie "l'aspetto culturale ed educativo che riuscirà a coinvolgere la cittadinanza". 

 

Il Muse Social Store sarà attivo anche sui social con la pagina Facebook e il profilo Instagram . Ogni lunedì, dalle 16 alle 18 laboratori e spazi per famiglie e bambini dai 3 agli 11 anni, il venerdì dai 6 agli 11. Dal 23 novembre fino a Natale il punto informativo sarà attivo mercoledì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12.30 mentre il giovedì l'orario è continuato. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

17 January - 09:21

E' stato titolare per anni dell’osteria di vicolo Santa Maria Maddalena ed è anche stato tra i promotori del Palio delle Contrade di Trento

16 January - 19:05

L’ultimo Dpcm non vieta espressamente di trasferirsi verso le seconde case e secondo fonti del Governo questo basta per garantire la possibilità di raggiungerle, anche quelle che si trovano fuori Regione. Eppure al numero verde vengono fornite risposte contraddittorie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato