Contenuto sponsorizzato

Paga con una banconota falsa, condannato. I carabinieri: "Chiunque lo riconosca ci contatti"

Il giovane di 19 anni aveva usato 50 euro falsi a un esercente di Levico Terme per pagarsi una birra. Arrestato è stato trovato con addosso molte altre banconote. I militari ipotizzano che il giro d'affari possa essere molto più ampio e chiedono l'aiuto dei cittadini

Pubblicato il - 14 giugno 2018 - 18:35

LEVICO. Chiedono aiuto alla comunità i carabinieri di Borgo Valsugana per capire quanto ampio possa essere il fenomeno. P.N., 19enne italiano pregiudicato, questa mattina è stato condannato a un anno e sei mesi con il rito direttissimo per aver spacciato una banconota falsa. Il sospetto, però, è che il giro possa essere molto più ampio e che anche altri commercianti e persone possano essere state truffate come accaduto qualche giorno fa a Levico Terme quando il giovane si è presentato al banco di un locale per pagare una birra con una banconota falsa da 50 euro.

 

Dopo averla presa in mano, però, il barista si è accorto che qualcosa non andava e allora, mantenendo la calma, con una scusa è riuscito a trattenere i clienti offrendo loro un’altra birra per poi appartarsi e chiamare il 112, il numero unico di emergenza, spiegando alla centrale operativa di Borgo Valsugana quello che era successo.

 

Il militare, senza perdere tempo, ha deciso di inviare una pattuglia del Nucleo Radiomobile che, arrivata sul posto, ha immediatamente individuato le persone segnalate, identificandole e sottoponendole a perquisizione personale.

 

Addosso al 19enne però sono state trovate altre banconote false, sempre del taglio di 50 euro. Accompagnati in caserma e sentite le parti, solo uno dei due è stato riconosciuto responsabile del reato di spendita di banconote false e per questo, tratto in arresto. Il sospetto, però, è che il giro di banconote false possa essere stato molto più ampio di un semplice pagamento. "Sono in corso indagini per capire l’ampiezza dell’attività criminale messa in atto dal giovane - comunicano i carabinieri di Borgo -. Chiunque lo riconosca dalla foto, è invitato a contattare il 112 o a recarsi presso il più vicino comando dell’Arma, per denunciare i fatti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato