Contenuto sponsorizzato

Precipita per alcune decine di metri in un corso d'acqua, muore una donna di 70 anni

L'incidente si è verificato poco fuori l'abitato di Castello Tesino. La donna sarebbe inciampata durante un'escursione (QUI AGGIORNAMENTO)

Pubblicato il - 12 giugno 2018 - 19:59

CASTELLO TESINO. E' precipitata per alcune decine di metri finendo in un corso d'acqua sottostante alla strada forestale. E' successo poco dopo le 18.30 su un sentiero poco fuori dall'abitato di Castello Tesino.

 

Una donna di 70 anni che era andata a fare un'escursione all'improvviso sarebbe inciampata finendo per precipitare in un torrente sottostante.

 

Subito sono partiti i soccorsi con vigili del fuoco e soccorso alpino a cercare di recuperare la donna. Purtroppo, però, per la 70enne non c'è stato nulla da fare. La caduta si è rilevata fatale.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.35 del 11 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 05:01

A sinistra sembra cominciato il gioco più amato di quest'area politica: la tafazziana scissione. Il partito di Boato e Coppola probabilmente conta di sfruttare l'onda lunga dei movimenti ambientalisti in Europa ma proprio nome e simbolo rischiano di renderli poco attrattivi e di legarli a vecchie logiche. Molto dispiaciuto il presidente di Futura: ''Non sarà una lista in più a darci maggiore chance di vittoria''

11 dicembre - 19:46

Il versamento a Fratelli d'Italia è apparso nell'ultima inchiesta fatta dall'Espresso. L'attuale presidente dell'associazione è Sergio Berlato, ex Alleanza Nazionale e eletto in Europarlamento quest'anno con Fratelli d'Italia. L'ex presidente dei cacciatori è stata eletta nel 2018 in Parlamento sempre con il partito della Meloni 

11 dicembre - 16:21

Il sindacato si scaglia contro il disegno di legge sponsorizzato da Fugatti “Ritorsioni della provincia verso i familiari dei condannati”. Qualora la norma fosse approvata la Fiom fa appello al governo nazionale “affinché blocchi questo gravissima e insensata deriva della democrazia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato