Contenuto sponsorizzato

Prende fuoco il ripetitore, si fa strada l'ipotesi dell'attentato anarchico

Le fiamme nelle primissime ore di ieri mattina si potevano vedere a diversi chilometri di distanza. Danni ingenti al ripetitore della wind di Volano. In corso le indagini da parte dei carabinieri 

Pubblicato il - 05 agosto 2018 - 08:58

VOLANO. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri sull'incendio che ieri notte ha distrutto un ripetitore wind a Volano. L'allarme è stato dato nelle primissime ore della mattina e le fiamme che avvolgevano l'intero traliccio si potevano vedere a diversi chilometri di distanza. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco volontari  di Volano e i colleghi di Rovereto.

 

Come già detto, non si conoscono le cause dell'incendio ma tra le ipotesi si fa strada quella dell'ennesimo attentato anarchico. Sul posto sarebbe stata ritrovata anche una scritta: “Libertà per gli anarchici”. Non si sa con esattezza quando è stata però fatta e quindi la pista anarchica non è ancora data per certa.

 

I danni sono stati ingenti. L'incendio ha causato diversi problemi ieri mattina alla rete telefonica fino a quando non sono intervenuti i tecnici per bypassare l'impianto danneggiato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato