Contenuto sponsorizzato

Revocati gli arresti domiciliari a Luisa Zappini. La dirigente è indagata per truffa e peculato

Il giudice ha accolto la richiesta di revoca della misura cautelare che aveva colpito la dirigente il 4 aprile. Potrebbe tornare a lavorare in Azienda sanitaria 

Pubblicato il - 21 aprile 2018 - 08:48

TRENTO. Alla dirigente provinciale Luisa Zappini sono stati revocati gli arresti domiciliari. Il giudice Claudia Miori ha accolto la revoca della misura cautelare che aveva colpito l'ex numero uno della Centrale Unica d'Emergenza lo scorso 4 aprile. Zappini ha quindi potuto raggiungere la famiglia in val di Rabbi.

 

Dal punto di vista legale si attende ora la chiusura delle indagini preliminari e il deposito degli atti. Questo permetterà alla difesa di prenderne visione e di rispondere poi agli addebiti.

 

Le accuse alla dirigente sono due, truffa e peculato. I fatti contestati sono molti e tra questi l'uso di permessi ex legge 104  in modo improprio. 

 

A Luisa Zappini è contestato anche l'uso indebito dell'automobile di servizio, configurando il reato di peculato. Avrebbe usato il mezzo per viaggi personali spostandosi a Rabbi, Verona, Brescia, Riva del Garda.

 

I guai per Luisa Zappini sono cominciati l'estate scorsa quando il nostro giornale sollevò dei dubbi sul concorso per funzionari della Centrale Unica, segnalando un suo possibile conflitto di interessi. In questo caso era stata aperta un'indagine della Guardia di Finanza al momento ancora in corso.

 

Successivamente si era aperto un'altro fronte di indagine, partito dopo segnalazioni e interrogazioni depositate da alcuni esponenti del Consiglio provinciale. Dopo aver chiesto nei giorni scorsi la revoca del comando in Provincia ora Luisa Zappini potrebbe tornare al lavoro. Questo presso l'ente di appartenenza e quindi l'Azienda sanitaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato