Contenuto sponsorizzato

Ruba 4 mila euro ad un anziano disabile, badante finisce agli arresti domiciliari

Il provvedimenti restrittivo al termine delle indagini portate avanti dai Carabinieri. L'uomo, di origini laziali, è riuscito a prendere la carta di credito dell'anziano per acquistare beni in internet

Pubblicato il - 10 agosto 2018 - 09:44

CARANO. Aveva sottratto 3900 euro ad un anziano disabile sfruttando il proprio lavoro: quello di badante. A conclusione delle indagini portate avanti dai Carabinieri di Cavalese, è finito agli arresti domiciliari un uomo di 47 anni, di origini laziali da anni residente in Val di Fiemme.

 

L’uomo era stato denunciato dai militari operanti già sul finire del mese di luglio, al termine di minuziose e precise indagini di polizia giudiziaria che, svolte subito dopo l’acquisizione della denuncia da parte di un anziano disabile residente  a Carano, avevano consentito agli inquirenti di accertare i numerosi e continui casi di ammanco di denaro dal conto corrente della vittima, alla quale era stata sottratta la carta di credito, per effettuare acquisti in internet ed eseguire vari prelievi allo sportello bancomat.

 

I sospetti dei militari venivano fin da subito rivolti verso la persona arrestata, la quale risultava legata da diverso tempo all’anziano per un rapporto professionale di assistenza a domicilio dovuto alla sua professione di operatore socio sanitario per conto di una locale cooperativa.

 

I riscontri probatori ottenuti nel corso delle indagini, in particolare quelli derivanti dall’esame dell’estratto conto della vittima, dalle riprese delle telecamere di videosorveglianza che avevano immortalato l’indagato all’atto dei vari prelievi presso gli sportelli bancomat. Accanto a questo, durante una perquisizione domiciliare , si era arrivati al rinvenimento di vari gli oggetti acquistati on line su noti siti commerciali, tutti a mezzo della carta di credito sottratta alla persona assistita. Elementi questi che hanno consentito in modo certo di attribuire la piena responsabilità penale del soggetto per i reati di furto aggravato ed indebito utilizzo di carta di credito, ed ottenere dalla Autorità giudiziaria di Trento l’emissione dell’attuale provvedimento restrittivo.

 

L’uomo dopo le formalità di rito, è stato collocato agli arresti domiciliari presso la sua abitazione e contestualmente sottoposto al sequestro preventivo dei beni acquistati e del denaro sottratto che risulta ammontare a circa 3.900 euro.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 giugno - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 giugno - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 giugno - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato