Contenuto sponsorizzato

Sbanda e finisce fuori strada, i pompieri tagliano il vetro e salvano un 20enne

Il 20enne alle guida del furgone avrebbe perso il controllo del mezzo a causa del fondo reso viscido dalla pioggia

Pubblicato il - 29 aprile 2018 - 19:56

TAIO. Tanta paura intorno alle 18 a Tres in Val di Non, quando un furgone è finito fuori strada e si è rovesciato.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco volontari di Tres, il corpo di Taio e le forze dell'ordine per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.

 

Il 20enne avrebbe perso il controllo del mezzo a causa del fondo reso viscido dalla pioggia. A quel punto ha sbandato e perso aderenza all'asfalto per finire fuori strada e ribaltarsi.

 

I pompieri sono intervenuti con le pinze idrauliche per tagliare il vetro anteriore dell'auto e estrarre il conducente dalle lamiere dell'abitacolo.

 

Fortunatamente solo tanta paura e il ragazzo è stato trasportato all'ospedale di Cles per le cure e gli accertamenti del caso.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 09:06

Ogni elettore potrà votare nel proprio seggio, indicato sulla tessera elettorale personale oggi dalle ore 7 alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15

19 settembre - 20:24

Le associazioni ambientaliste intervengono dopo il falso attacco ai due forestali: “Strano che Fugatti ne abbia parlato solo dopo le due sentenze del Tar. L’attuale non gestione dei grandi carnivori ha rimosso tutta la corretta informazione, spingendo invece su quella denigratoria”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato