Contenuto sponsorizzato

Si sostituiscono ai creditori cambiando l'Iban, la Polizia postale mette in guardia le imprese

Si sono già registrati alcuni casi dove, titolari di aziende, convinti di pagare la propria merce a chi l’aveva fornita, in realtà hanno versato il relativo importo a dei truffatori con danni di alcune decine di migliaia di euro

Pubblicato il - 07 giugno 2018 - 11:20

BOLZANO. Si sostituiscono ai creditori per truffare le aziende. L'allarme viene lanciato dalla Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Bolzano in merito ad alcune comunicazione, inviate via mail, che apparentemente giungono da imprese che hanno fornito loro merci o servizi. Con queste mail i truffatori, che si sostituiscono all’impresa che ha fornito la merce o i servizi, comunicano al beneficiario degli stessi, quindi al debitore, che d’ora innanzi le fatture andranno pagate su un conto diverso rispetto a quello già noto.

 

In Provincia di Bolzano si sono già registrati alcuni casi ove, titolari di aziende, convinti di pagare la propria merce a chi l’aveva fornita, in realtà hanno versato il relativo importo a dei truffatori subendo in tal modo danni anche nella misura di alcune decine di migliaia di euro.

 

Come riescono i malviventi ad ottenere le informazioni che consentono loro di trarre in inganno le loro vittime? Un tempo, i truffatori, per ottenere informazioni su un’azienda potevano trovare le informazioni rovistando soprattutto fra i rifiuti cartacei della stessa. Oggi, con le nuove tecnologie, le informazioni - i truffatori - le cercano soprattutto in rete effettuando una vera e propria attività di “ingegneria sociale”. Ciò, ad esempio, facendo OSINT (acronimo delle parole inglesi Open Source INTelligence, è l'attività di raccolta di informazioni mediante la consultazione di fonti di pubblico accesso) o del phishing.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 10:08

In alcuni punti della città, nel fine settimana, si formano notevoli assembramenti. Purtroppo le persone sembrano aver archiviato con troppa facilità l’emergenza sanitaria e in pochi rispettano le precauzioni

20 settembre - 09:47

E' successo a Volano e la situazione è sotto controllo. Il contagio nel bambino sarebbe avvenuto in ambito famigliare e non sono stati rilevati altri casi a scuola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato