Contenuto sponsorizzato

Stipula un contratto di telefonia rubando i dati di un uomo e spendendo 5 mila euro in chiamate. Nei guai una 27enne

All'uomo a cui la donna ha rubato i dati è arrivata una bolletta di 5 mila euro

Pubblicato il - 18 febbraio 2018 - 09:35

TRENTO. Si era finta delegata di un uomo residente nelle Giudicarie ed aveva stipulato, a nome di quest'ultimo, un contratto con una compagnia telefonica iniziando poi ad utilizzare il numero a proprio piacimento.

 

L'uomo è rimasto ignaro di quello che stava accadendo fino a quando il gestore non gli ha notificato un bolletta di oltre 5 mila euro oltre ad altri soldi per le tasse di concessione governativa. Una bolletta per l'uomo residente delle Giudicarie inspiegabile perché non aveva mai stipulato alcun contratto simile e si è quindi rifiutato di pagarla.

 

Dalle verifiche fatte il contratto a suo nome esisteva ma dei numeri (fisso e mobile) del gestore che gli erano stati attribuiti non ne sapeva nulla. Da lì la querela e l'indagine dalla quale è uscito che la truffa sarebbe stata fatta da una donna straniera 27enne della Rendena che avrebbe attivato lei il contratto fornendo i dati dell'ignaro utente usando poi il numero a suo piacimento senza pagare alcuna bolletta.

 

La giovane sarà ora processata per truffa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 19:41

Sono una quarantina i soci iscritti alla cooperativa Radio Taxi Trento che operano sul territorio provinciale. "La sicurezza negli anni è diminuita" ha spiegato il presidente Braccia. Al via, intanto, il "Taxi Rosa" per donne e minori che possono usare i mezzi nella fascia notturna con un buono sconto di 5 euro

19 novembre - 20:12

I contesti più critici sono rappresentati dalle frane verificatesi nel fondo valle e dalle valanghe in alta quota, la Pat: “Monitoriamo la situazione”. Rimane chiusa la strada statale 240, che collega Riva del Garda con Torbole, per la possibilità che altri massi si stacchino dal Monte Brione

19 novembre - 19:32
L'incidente è avvenuto intorno alle 17.45 nel centro abitato di Tiarno di Sopra, dove due vetture sono arrivate alla collisione. Dopo l'impatto i veicoli sono rimasti in mezzo alla strada a compromettere la viabilità. In azione ambulanze, vigili del fuoco di Tiarno di Sopra e forze dell'ordine
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato