Contenuto sponsorizzato

Tenta di dare della droga ad un 17enne. Arrestato un 22enne dai Carabinieri

L'operazione è riuscita anche grazie alle segnalazioni dei cittadini e degli esercenti che hanno permesso ai Carabinieri un servizio mirato

Pubblicato il - 28 febbraio 2018 - 12:12

TRENTO. Stava cedendo della sostanza stupefacente ad un 17enne ma l'intervento dei Carabinieri ha permesso di fermarlo e arrestarlo. A finire nei guai è un 22enne, senza fissa dimora originario della zona sub sahariana.

 

L'intervento dei carabinieri, nel corso di controlli sul territorio, è stato possibile anche grazie alle segnalazioni fatte dalla cittadinanza.

 

Infatti, dopo le indicazioni ricevute da alcuni residenti e commercianti del centro storico, il Comando della Compagnia Carabinieri di Trento ha disposto un mirato servizio, svolto tanto da personale in abiti civile che con l’ausilio di pattuglie con i colori d’istituto, che ha permesso di arrestare in flagranza di reato il 22enne sorprendendolo all'interno del parco “San Marco” durante lo spaccio. La perquisizione ha permesso di recuperare la sostanza stupefacente oltre alla somma di denaro proveniente dello spaccio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 12:54

Il presidente della Pat denunciato dagli animalisti che chiedono anche il sequestro dell’orsa: “Ogni anno il Trentino crea problemi con la gestione degli orsi sul suo territorio e almeno un plantigrado ne paga le conseguenze, la guerra ai grandi carnivori deve finire”

05 luglio - 11:13

Le immagini sono al vaglio della polizia locale: una volta identificato, l’autore, dovrà rispondere di “furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede” e “vilipendio di tombe”. L’anno scorso due donne erano state denunciate per gli stessi reati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato