Contenuto sponsorizzato

Trento, degrado con rifiuti e orinatoi a cielo aperto allo skate park di via del Maso Smalz

Presentata in consiglio comunale una domanda di attualità da parte della Lega per sapere le azioni che il Comune intende mettere in atto per risolvere la situazione

Di gf - 04 luglio 2018 - 16:37

TRENTO. Immondizia, bivacchi notturni, spazi utilizzati come orinatoi a cielo aperto. “Siamo stanchi di una situazione del genere” spiegano alcuni cittadini che frequentano quotidianamente lo skate park di via del Maso Smalz.

L'area negli ultimi tempi si è sempre più degradata. Cataste di rifiuti abbandonati per giorni presso i cassonetti, immondizie sparse sui prati attigui alle piste da skate, rifiuti, deiezioni e bivacchi notturni nel tunnel pedonale retrostante che attraversa via Hubert Jedin, nonché lo stesso tunnel preso di mira da ragazzi graffitari.

 

A raccogliere le lamentele dei cittadini è stato il consigliere delle Lega, Devid Moranduzzo, che ha presentato in consiglio comunale una domanda di attualità. “Ci è stata segnalata – spiega il consigliere della Lega - anche la presenza presso il parcheggio antistante al parco, di una coppia di ragazzi tossicodipendenti”

 

La richiesta che viene fatta è quella di capire quali siano i provvedimenti che l'Amministrazione intende attuare per porre rimedio alle problematiche al parco nonché di prevenire in futuro il ripetersi delle stesse.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 12:45

L’affluenza nazionale nei comuni chiamati al voto, all’appello di mezzogiorno, supera di poco il 15% (in provincia di Bolzano è intorno al 14,9%, il Trentino non pervenuto). Per il referendum hanno votato il 12,3% degli italiani

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato