Contenuto sponsorizzato

Uccise il suo amico, credeva fosse un cervo. Condannato il cacciatore a un anno di reclusione

Michele Penasa, 70 anni, perse la vita. L'incidente mortale avvenne nel settembre dello scorso anno in val Rendena, ieri la prima sentenza inflitta a Luigi Da Rin D'Iseppo: omicidio colposo

Una foto del luogo dell'incidente tratta da http://trentinogpstracks.blogspot.it
Pubblicato il - 27 aprile 2018 - 09:45

TRENTO. Luigi Da Rin D'Iseppo al Pm che lo ha interrogato aveva raccontato di aver visto un'ombra, di aver sentito un fruscio a pochi metri da lui. Credeva fosse un cervo e ha sparato, ma era il suo amico Michele Penasa, che morì sul colpo.

 

L'incidente mortale è avvenuto nel settembre dello scorso anno in val Rendena, ieri la prima sentenza: omicidio colposo. L'imputato, assistito dall'avvocato Mauro Bondi, ha patteggiato un anno di reclusione, pena sospesa, davanti al giudice Miori

 

Michele Penasa aveva 70 anni, un guardiacaccia in pensione molto conosciuto. La sera dell'11 settembre dell'anno scorso si trovava nella zona di malga Calvera in Val Rendena, quando attorno alle 20 fu raggiunto dal colpo di fucile che lo colpì al ventre.

 

Fu immediatamente soccorso. I Vigili del fuoco di Vigo e i  sanitari arrivarono con l’elicottero ma i tentativi di rianimazione furono vani.  Sul posto arrivarono anche i carabinieri di Riva del Garda che si misero subito al lavoro per la ricostruzione della dinamica.

 

Fu subito chiaro che si trattava di un tragico incidente. Furono sentiti tutto il gruppo di cacciatori, ma in poche ore si capì che il colpo mortale partì dal fucile di Luigi Da Rin D'Iseppo. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 11:26

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i sanitari. E' successo sul sentiero del “Tracciolino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato