Contenuto sponsorizzato

Ugo Pradal è il nuovo direttore dell'Unità di pediatria dell'ospedale di Rovereto

Si è laureato in medicina e chirurgia all’Università degli studi di Verona dove, nel 1991, si è specializzato in pediatria

Pubblicato il - 15 gennaio 2018 - 13:26

ROVERETO. All'ospedale di Rovereto è stato nominato il nuovo direttore dell'Unità di pediatria. Il professionista è Ugo Pradal, nominato dal direttore generale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari Paolo Bordon.

 

Pradal è stato scelto in virtù dell’ottimo curriculum professionale e della rilevante esperienza gestionale che gli hanno valso il giudizio di ottimo al colloquio selettivo. L’incarico alla guida della struttura pediatrica dell’Area materno infantile avrà durata quinquennale.

 

Nato a Vittorio Veneto (Tv) il 14 maggio 1961, Ugo Pradal si è laureato in medicina e chirurgia all’Università degli studi di Verona dove, nel 1991, si è specializzato in pediatria. Ha lavorato come pediatra per 25 anni, dapprima all’Usl 25 di Verona e successivamente all’Azienda ospedaliera di Verona divenuta poi Azienda ospedaliera universitaria integrata.

 

Vanta un’ampia esperienza professionale particolarmente incentrata sulla fibrosi cistica, è stato titolare dal 2006 al 2009 dell’incarico di alta professionalità «Attività assistenziale pneumologia nel paziente adulto con fibrosi cistica» e dal 2010 di quello di «Laboratorio di fisiopatologia respiratoria e broncoscopia».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato