Contenuto sponsorizzato

Un 80enne è accusato di incendiare boschi. La difesa: ''E' colpa di un farmaco''

L'uomo un anno fa era finito agli arresti domiciliari. Ora il giudice ha disposto un supplemento di perizia 

Pubblicato il - 09 maggio 2018 - 09:57

TRENTO. E' diventato piromane per colpa di un farmaco che, tra gli effetti collaterali, può causare disturbo nel controllo degli impulsi. Questa la tesi della difesa di un ottantenne che poco più di un anno fa era finito agli arresti domiciliari.

 

La misura cautelare era stata adottata dopo l'accusa di avere appiccato un incendio boschivo. Le indagini avevano individuato nell'ottantenne il piromane che da qualche tempo colpiva in alcune zone del Trentino.

 

Immediatamente la tesi della difesa aveva puntato sull'utilizzo di un farmaco contro il morbo di Parkinson che avrebbe degli effetti collaterali, legati ad un eccesso di dopamina, che possono arrivare fino ad intaccare il controllo degli impulsi.

 

Sarà un supplemento di perizia ordinata dal giudice a stabilire come siano andate veramente le cose.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 01:29

Se il Pd è il primo partito, la lista di Ianeselli è il secondo nel blocco del centrosinistra autonomista a quota 7,94%, tallonato dal Patt e poi da Futura. Nel centrodestra fa due consiglieri Fratelli d'Italia e tre la lista Trento Unita Merler Sindaco. La Lega piazza 5 esponenti

22 settembre - 20:12

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.355 i guariti da inizio emergenza e 558 gli attuali positivi

22 settembre - 18:37

Al terzo posto Marcello Carli, deludente per l'impegno profuso in campagna elettorale ma fermatosi di poco sopra il 5%. Un dato, comunque che doppia il Movimento 5 Stelle di Carmen Martini, intorno al 2,5% (cinque anni fa l'M5S aveva ottenuto l'8%) e anche Onda Civica di Filippo Degasperi che supera di poco gli ex colleghi di partito

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato