Contenuto sponsorizzato

Un 80enne è accusato di incendiare boschi. La difesa: ''E' colpa di un farmaco''

L'uomo un anno fa era finito agli arresti domiciliari. Ora il giudice ha disposto un supplemento di perizia 

Pubblicato il - 09 maggio 2018 - 09:57

TRENTO. E' diventato piromane per colpa di un farmaco che, tra gli effetti collaterali, può causare disturbo nel controllo degli impulsi. Questa la tesi della difesa di un ottantenne che poco più di un anno fa era finito agli arresti domiciliari.

 

La misura cautelare era stata adottata dopo l'accusa di avere appiccato un incendio boschivo. Le indagini avevano individuato nell'ottantenne il piromane che da qualche tempo colpiva in alcune zone del Trentino.

 

Immediatamente la tesi della difesa aveva puntato sull'utilizzo di un farmaco contro il morbo di Parkinson che avrebbe degli effetti collaterali, legati ad un eccesso di dopamina, che possono arrivare fino ad intaccare il controllo degli impulsi.

 

Sarà un supplemento di perizia ordinata dal giudice a stabilire come siano andate veramente le cose.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato