Contenuto sponsorizzato

Un anno accademico con richiedenti asilo e rifugiati. Il Centro Astalli cerca studenti universitari

L'iniziativa davvero unica si terrà all'interno di una struttura di Trento messa a disposizione dai padri Comboniani 

Foto tratta da Facebook di una iniziativa del Centro Astalli a rifugio Roda di Vaèl
Pubblicato il - 09 agosto 2018 - 09:12

TRENTO. Il Centro Astalli di Trento cerca studenti universitari che abbiano voglia di mettersi in gioco in prima persona in una società che cambia. In che modo? Prendendo parte ad una esperienza di convivenza a fianco ai rifugiati.

 

Una esperienza davvero unica, della durata di un anno accademico,  messa a disposizione per 4 o 5 studenti o studentesse universitari/e. Questi avranno la possibilità di vivere presso la struttura dei Padri Comboniani in via Missioni Africane 13 a Trento e farlo in prossimità con ospiti richiedenti asilo e rifugiati.

 

La struttura sarà divisa in tre parti, in modo da avere comunque assicurata la propria privacy. Ci saranno spazi comuni ed occasioni di confronto tra gli ospiti. A disposizione una camera singola con bagno interno e spazio per studiare, una cucina condivisa dagli studenti e da gruppi ospiti.

 

I prezzi sono accessibili a tutti e ci saranno operatori e alcuni padri Comboniani che contribuiranno ad un accompagnamento alla convivenza, sia dal punto di vista pratico che da quello di benessere e spiritualità. Non ci sarà alcuna interruzione ai propri studi. 

 

Quello che si chiede a chi vuole partecipare è davvero poco: la disponibilità ad incontri periodici con gli ospiti, con gli operatori e con i padri oltre ovviamente la curiosità, sensibilità verso l’Altro e voglia di mettersi in gioco

 

Per ottenere informazioni e offrire la propria adesione entro il 12 agosto è possibile scrivere a erica.raimondi@centroastallitrento.it o chiamare il 3470603717, dopo il 12 agosto occorrere scrivere a lorena.martinello@centroastallitrento.it o chiamare il 3288420849.

La prima tranche di domande di adesione sarà entro il 15 agosto. Eventuale seconda tranche di domande di adesione avverrà tra 20 e 25 agosto. Ci sarà poi un colloquio di conoscenza e valutazione. (QUI per avere ulteriori informazioni)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 10:21

Secondo le prime informazioni, il governo dovrebbe mantenere misure piuttosto stringenti per evitare che i contagi tornino a salire. I dati non sono infatti abbastanza bassi da poter immaginare un "rompete le righe". Si valutano il blocco dello spostamento fra Regioni una settimana prima di Natale, l'assenza di qualsiasi deroga sul coprifuoco (che rimarrebbe alle 22) e un'apertura straordinaria dei negozi per evitare assembramenti

29 novembre - 09:06

Drammatico il bollettino del Coronavirus nelle ultime 24 ore in provincia di Belluno. Sono 196 infatti i nuovi contagi registrati, mentre 5 persone sono decedute in due strutture ospedaliere del capoluogo. Oltre 4600 gli attuali contagiati nel territorio provinciale. Nella mattinata di domenica 29 novembre si svolgerà inoltre lo screening mirato ad Auronzo di Cadore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato