Contenuto sponsorizzato

Un cane già accasato, ma un labrador ancora in centrale dalla polizia

Se l'avventura di Black si è risolta con un lieto fine in poche ore, non altrettanto si può dire per un labrador, colore miele e sprovvisto di microchip. La polizia: "Il padrone ci contatti al numero 0462 574450 oppure dalla 19 al cellulare 3450817481"

Pubblicato il - 20 agosto 2018 - 16:53

MOENA. Giornata intensa per gli agenti della Polizia locale Val di Fassa. Oltre alle normali attività di controllo e presidio del territorio, i poliziotti sono entrati in azione per ritrovare i proprietari di un bellissimo cane.

 

E se l'avventura di Black si è risolta con un lieto fine in poche ore, non altrettanto si può dire per un labrador.

"Il cane - spiega Gianluca Ruggiero, comandante della polizia locale Valle di Fassa - è stato ritrovato sul Ciampedie. Molto tranquillo, questo animale ha seguito una famiglia lungo tutta la gita. Una volta raggiunto il rifugio, ci hanno allertato e siamo quindi andati a recuperare il labrador, che ora si trova in centrale. Siamo molto orgogliosi di questo intervento, un anello importante tra cittadini e amministrazione".

 

Questo animale, colore miele, senza microchip, è ora in caserma, in attesa del proprio padrone.

 

"Se qualcuno - conclude Ruggiero - dovesse riconoscere il cane è attivo il numero 0462 574450, mentre dalle 19 si deve telefonare al cellulare 3450817481. Ci preme ricordare che la registrazione dei cani è obbligatoria. La lettura del chip permette di rintracciare in tempi brevi il proprietario e riunire, cosa più importante, animali e padroni".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato