Contenuto sponsorizzato

Un cane già accasato, ma un labrador ancora in centrale dalla polizia

Se l'avventura di Black si è risolta con un lieto fine in poche ore, non altrettanto si può dire per un labrador, colore miele e sprovvisto di microchip. La polizia: "Il padrone ci contatti al numero 0462 574450 oppure dalla 19 al cellulare 3450817481"

Pubblicato il - 20 agosto 2018 - 16:53

MOENA. Giornata intensa per gli agenti della Polizia locale Val di Fassa. Oltre alle normali attività di controllo e presidio del territorio, i poliziotti sono entrati in azione per ritrovare i proprietari di un bellissimo cane.

 

E se l'avventura di Black si è risolta con un lieto fine in poche ore, non altrettanto si può dire per un labrador.

"Il cane - spiega Gianluca Ruggiero, comandante della polizia locale Valle di Fassa - è stato ritrovato sul Ciampedie. Molto tranquillo, questo animale ha seguito una famiglia lungo tutta la gita. Una volta raggiunto il rifugio, ci hanno allertato e siamo quindi andati a recuperare il labrador, che ora si trova in centrale. Siamo molto orgogliosi di questo intervento, un anello importante tra cittadini e amministrazione".

 

Questo animale, colore miele, senza microchip, è ora in caserma, in attesa del proprio padrone.

 

"Se qualcuno - conclude Ruggiero - dovesse riconoscere il cane è attivo il numero 0462 574450, mentre dalle 19 si deve telefonare al cellulare 3450817481. Ci preme ricordare che la registrazione dei cani è obbligatoria. La lettura del chip permette di rintracciare in tempi brevi il proprietario e riunire, cosa più importante, animali e padroni".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 11:11

Kompatscher punta a far tornare i turisti tedeschi già dal 15 giugno: “Noi vorremmo offrire a tutti i turisti che vengono qui gratuitamente il test sierologico. L’Austria non decide chi entra ed esce dall’Italia, il transito del turista tedesco per raggiungere l’Italia non è nelle competenze di Vienna”

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

26 maggio - 10:43

La macchina del quarantenne è stata trovata a Roncjade al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia e subito sono partite le ricerche con i soccorsi alpini di varie stazioni mobilitati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato