Contenuto sponsorizzato

Una montagna di rifiuti davanti al Crm, Dolomiti Ambiente: ''Comportamenti incivili''

E' successo la scorsa notte. Ad accorgersi di quello che è successo i cittadini e gli operatori del centro 

Di G. Fin - 19 aprile 2018 - 19:55

ROVERETO. Vestiti usati, scarpe ma anche bottiglie e tanti altri rifiuti. Il tutto buttato per terra all'entrata del Centro di Raccolta Materiali di Mira di Rovereto. Ad accorgersi di quello che era successo durante la notte all'entrata del centro sono stati alcuni cittadini e gli operatori.

“Sono comportamenti incivili” ha spiegato Dolomiti Ambiente che gestisce il centro e che ha preso in carico anche l'intervento di pulizia dell'area.

 

“Essendo una grossa quantità di rifiuti – è stato spiegato – non si possono usare i normali mezzi ma servirà un braccio meccanico. Inoltre sono rifiuti vari che vanno da indumenti usati, bottiglie e tanto altro”.

 

Sono stati ricercati degli elementi che potessero ricondurre agli autori del gesto ma non è stato trovato nulla di utile. “Purtroppo le telecamere – spiegano da Dolomiti Ambiente – non sono servite ad individuare il soggetto”.

 

Fatti del genere mostrano come sia di fondamentale importanza proseguire in un'opera di sensibilizzazione della cittadinanza per un comportamento civile e rispettoso dell'ambiente.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato