Contenuto sponsorizzato

Un'enorme frana sulla vecchia ciclabile della Valsugana. Ferazzoli: "Valutiamo la connessione tra il pezzo Trentino e quello Veneto''

Lo scorso weekend oltre 40.000 metri cubi di materiale roccioso sono crollati sulla ciclabile che passava sulla sponda destra del Brenta all'altezza di Primolano. Il sindaco di Cismon del Grappa: "Abbiamo già un finanziamento di 3,5 milioni si euro. Sicuramente quel tratto non sarà più utilizzabile"

Di Luca Pianesi - 15 aprile 2018 - 14:47

BORGO VALSUGANA. Un tempo la ciclopista della Valsugana passava per di là. "Si trattava solo di capire se la sede originaria fosse ripristinabile. Ora è chiaro a tutti che, invece, in questo tratto l'uso della sinistra Brenta è inevitabile". A parlare, anzi a scrivere su Facebook, è il sindaco di Cismon del Grappa Luca Ferazzoli. E' lui a spiegare che la grande frana avvenuta lo scorso weekend in prossimità dell'abitato di Primolano, poco dopo il confine trentino, mette una pietra (in realtà la bellezza di 40.000 metri cubi di Dolomia Principale, come certifica la Protezione civile della Provincia di Trento, che spiega anche che si sono distaccati massi fino a 1.000 metri cubi alcuni con diametro di 8-10 metri) tombale sulla possibilità che la ciclabile in quel tratto continui a costeggiare il Brenta come in altri suggestivi passaggi della ciclopista della Valsugana, passando alla sua destra. 

 

Se ne discuteva da tempo e anche molti trentini amanti della bicicletta si interrogavano sul perché si abbandonasse la vecchia ciclabile in zona Primolano (proprio in un tratto molto suggestivo, una sorta di canyon immerso nella natura) dirigendosi, invece, verso il paese. Ebbene, "quel tratto di ciclopista è chiuso dal Comune di Enego sin da allora", continua il sindaco su Facebook, e quell'allora si riferisce al 2012 e a un'altra frana, molto più contenuta se paragonata a quella di pochi giorni fa, caduta tra Piovega di Sopra e Pianello. Altre poi ce ne sono state, a dimostrazione del fatto che in quell'area la montagna non è sicura.

 

Per gli amanti della bici, quindi, al momento non resta che seguire le indicazioni senza ''tentare'' di superare le barriere (come è avvenuto anche in passato con tanto di intervento delle forze dell'ordine che hanno multato dei ciclisti che provavano a continuare su quel tratto chiuso) perché, oggi, non ce n'è più per nessuno: questa è la barriera naturale che si parerebbe loro davanti. 

 

L'impressionante frana avvenuta lungo la vecchia ciclabile della Valsugana

 

"Comunico - spiega ancora il sindaco di Cismon del Grappa - anche che abbiamo già un finanziamento di 3,5 milioni di euro e che entro la metà di settembre presenteremo il progetto di fattibilità tecnico economica. La frana è a sud della derivazione del Pianello. Quindi tra il Pianello ed il ponte di Enego. La strada non c'è più quindi ora non passa più nessuno. Si tratterà di valutare la connessione tra il pezzo Trentino e quello Veneto. Noi abbiamo tre soluzioni. Le due strade di servizio parallele alla ss47 o la strada lungo il fiume. Bisognerà capire come fare a nord. O si crea un passaggio subito dopo il ponte dei Martincelli a lato della ferrovia vanificando una parte di ciclo trentina oppure bisogna creare un collegamento tra le due sponde più a sud. Questi saranno i temi da affrontare durante la progettazione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 10:01

E' stato approvato ieri sera il documento presentato dai capogruppo di maggioranza a palazzo Thun. Accolte le richieste anche di Onda Civica. Pattini: "Abbiamo cercato la più ampia intesa tra le forze politiche. Il centrodestra ha abbandonato l'aula''. Alla fine la votazione ha portato all'approvazione della mozione con 21 voti favorevoli su 21 presenti 

16 luglio - 12:29

Questo progetto "Pane & Panettieri d’Italia", realizzata in collaborazione con "Così com’è", è stato avviato a settembre scorso per raccontare il punto di arrivo e di ripresa di una rivoluzione iniziata circa 10 anni fa per il lavoro attento dei panificatori. Sono circa 20 mila i panifici presenti in Italia e sono appena 350 quelli selezioni. Il panificio Moderno è l'unica realtà a rappresentare il Trentino Alto Adige

16 luglio - 11:04
L'allerta è scattata intorno alle 10 di oggi, giovedì 16 luglio, lungo la strada statale 12 in località Cadino sul territorio di Faedo, frazione di San Michele all'Adige. L'incidente è avvenuto all'altezza del semaforo in zona del ristorante pizzeria. In azione ambulanze, vigili del fuoco di zona e polizia locale
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato