Contenuto sponsorizzato

Valanga a passo Presena, paura per un gruppo di scialpinisti ma nessun ferito

Il fronte della valanga è tra i 60 e gli 80 metri con uno scorrimento di circa 50 metri

Pubblicato il - 23 marzo 2018 - 12:28

TONALE. Nessuna persona è stata coinvolta nella valanga che si è staccata questa mattina nella zona di passo Presena. A precisarlo è il Soccorso Alpino provinciale a seguito di alcune notizie uscite frettolosamente sulla stampa locale e che riportavano il possibile coinvolgimento di alcuni sciatori.

 

L'allarme per la valanga è scattato poco prima delle 10.30 di questa mattina sulla discesa che da passo Presena va al rifugio Mandron. Sul posto era stato avvistato un gruppo di 5 persone mentre effettuava delle ricerche con le sonde.

Immediato l’intervento del Soccorso Alpino del Trentino con il coordinatore dell’Area operativa Trentino Occidentale che ha chiesto il supporto dell’elicottero e delle unità cinofile. Dopo una ricognizione e una volta raggiunto il gruppo, l’allarme è rientrato. Nessuna persona è stata sepolta dalla valanga.

Il fronte della valanga è tra i 60 e gli 80 metri con uno scorrimento di circa 50 metri.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato