Contenuto sponsorizzato

Abbattuto un raro gatto selvatico, la polizia provinciale indaga e scopre che è stato un cacciatore

L'animale è stato ucciso mercoledì scorso nella zona dell'Alpago ma essendo protetto e tutelato ai massimi livelli è subito scattata l'indagine. Ora l'uomo rischia una sanzione che prevede l’arresto da 2 a 8 mesi e un’ammenda da 774 a 2.065 euro

Pubblicato il - 10 dicembre 2019 - 13:09

ALPAGO. E' stato un cacciatore. Dopo serrate indagini la polizia provinciale è riuscita a risalire all'autore dell'abbattimento di un raro esemplare di gatto selvatico specie particolarmente protetta e tutelata. L'animale è stata ucciso mercoledì scorso (il 4 dicembre) nella zona dell'Alpago, nel bellunese. Subito sono partite le indagini, accurate e approfondite come richiedono situazioni di questo tipo, quando vengono uccisi animali così rari e patrimonio di tutti (come è noto, purtroppo, in Trentino non si è fatto altrettanto nel caso del lupo ripescato senza testa e senza zampe nell'Avisio QUI ARTICOLO) e in breve la polizia provinciale è riuscita a risalire all'autore: un cacciatore munito di regolare licenza, socio di una riserva di caccia dell’Alpago.

 

L’uomo è stato deferito all’autorità giudiziaria; gli viene contestata la violazione dell’articolo 2 comma 1 lettera a della legge 157/1992 (“Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”), dove nell’elenco delle specie “particolarmente protette” figura anche il “Felis sylvestris”, gatto selvatico. La sanzione prevista prevede l’arresto da 2 a 8 mesi e un’ammenda da 774 a 2.065 euro.

''Nonostante l’organico del corpo di polizia provinciale sia a ranghi ridotti, il presidio del territorio rimane costante - commenta il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. I nostri agenti operano con grande professionalità e per questo li ringraziamo. Il servizio che svolgono spesso non è facilmente visibile dai cittadini, ma rappresenta una componente fondamentale per la tutela della fauna selvatica e dell’ambiente naturale''.

Il gatto selvatico è un animale molto raro. Praticamente scomparso dal bellunese, sta lentamente ricolonizzando il territorio, tanto che la provincia di Belluno, al momento, rappresenta la zona più occidentale dell’area in cui è presente. A differenza dei canidi, però, i felidi (di cui fa parte il gatto selvatico) hanno tassi di riproduzione particolarmente bassi e quindi anche un solo esemplare perso rappresenta un danno enorme per la biodiversità. L'esemplare abbattuto è stato imbalsamato e ora è di proprietà della Provincia di Belluno.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato