Contenuto sponsorizzato

Acqua alta a Venezia, allerta rossa questa mattina. In città hanno suonato le sirene, alle 11.20 attesa un'altra marea

Chiuse le scuole, i musei e i teatri. La città lagunare è in allarme. E' prevista  una punta massima di marea di 160 centimetri 

Pubblicato il - 15 novembre 2019 - 09:07

VENEZIA. Torna la paura a Venezia questa mattina. La città si prepara a fronteggiare un'altra marea che alle 11 potrebbe raggiungere 160 centimetri. Il vento di scirocco continua a soffiare.

 

Per oggi è stata decisa la sospensione dell'attività scolastica degli istituti di ogni ordine e grado. Chiuse anche i musei e i teatri.

La marea sta crescendo velocemente, come segnalato dalle centraline in mare aperto. Questa mattina le sirene d'allarme sono già risuonate alle 6.50, e poi alle 8.30.

Intanto il Consiglio dei ministri ha dato il via libera, alla dichiarazione dello stato d'emergenza per le aree del Veneto colpite dal maltempo. Per Venezia è stato disposto lo stanziamento di 20 milioni di euro per far fronte ai primi interventi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 05:01

Una famiglia si trova da martedì scorso tutta a casa in attesa dell'esito del tampone della figlia che da scuola, lunedì, era tornata con il raffreddore. E se ancora non è arrivata l'influenza e i primi raffreddori e mal di gola stanno arrivando proprio in questi giorni cosa succederà con il peggiorare della situazione? Sono sufficienti i tamponi a tenere sotto controllo la situazione?

29 settembre - 08:22

Da Parigi a Madrid l'ondata di virus non si ferma. In Germania è stato individuato un nuovo focolaio dopo una festa in famiglia fatta in un appartamento 

28 settembre - 18:59

Secondo l'Fp Cgil, dal 2013 sarebbero 102 i divulgatori (10 nell'ultimo mese) che hanno abbandonato il principale museo trentino per condizioni di lavoro inaccettabili. Orari non rispettati, contratti peggiorativi, competenze non riconosciute, alcune delle questioni al centro delle rivendicazioni di un settore in stato d'agitazione da ormai un anno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato