Contenuto sponsorizzato

Bloccato il treno per Verona, tre ragazzi prendono a calci e pugni il controllore che aveva chiesto loro il biglietto 

Il treno è rimasto fermo per un'ora. I tre sono stati individuati dai carabinieri  grazie anche ad alcune testimonianze e dalla visione ed analisi delle immagini di videosorveglianza presenti presso lo scalo ferroviario

Foto altoadigepertutti.it
Pubblicato il - 21 December 2019 - 11:58

EGNA. Hanno preso a calci e pugni il capotreno e poi sono scappati. Sono tre giovani di 19 e 20 anni, tutti residenti a San Michele e di origine kosovara, gli autori dell'aggressione avvenuta nei giorni scorsi su un treno regionale che era diretto a Verona.

 

Il capotreno ha sorpreso i tre giovani sprovvisti del biglietto valido e li ha fatti scendere. I tre ragazzi, provenienti da Bolzano, in un primo momento hanno accettato di scendere dal treno, ma arrivati alla stazione di Egna assieme hanno aggredito il pubblico ufficiale con calci e pugni, per poi darsi alla fuga.

 

Il treno è rimasto fermo per circa un'ora per poi riprendere il viaggio verso la destinazione finale.

 

I carabinieri, dopo alcuni accertamenti e verifiche, sono riusciti a risalire all’identità dei tre aggressori, grazie anche ad alcune testimonianze e dalla visione ed analisi delle immagini di videosorveglianza presenti presso lo scalo ferroviario.

 

I tre uomini, tutti residenti a San Michele all’Adige, dovranno ora rispondere delle proprie rispettive responsabilità penali, alla Procura della Repubblica di Bolzano, alla quale sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale ed interruzione di pubblico servizio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato