Contenuto sponsorizzato

Si rifiuta di esibire il biglietto e aggredisce a pugni e calci l'autista lasciandolo a terra stordito e rubandogli il cellulare. Momenti di paura a Ortisei

La pronta risposta dei militari della Compagnia Carabinieri di Ortisei ha permesso di prestare immediato soccorso al conducente ferito, riuscendo a rintracciare i tre giovani, ancora sporchi di sangue e ancora in possesso del telefono sottratto all’autista

Pubblicato il - 05 January 2021 - 10:15

BOLZANO. Una violenza inaudita nei confronti di un autista di autobus. A finire nei guai sono stati un ventenne e altre due ragazze e l'episodio è avvenuto a Selva di Val Gardena.

 

A turbare la pace della valle è stata l’azione coordinata di un gruppo di giovani che, per il modestissimo bottino di un telefono cellulare, hanno aggredito brutalmente l’autista di un autobus di linea extraurbana, ferendolo al volto e distruggendo le vetrate del bus per guadagnare l’uscita.

 

Un senzatetto di origine tunisina e due giovani italiane sono i protagonisti di questo episodio di violenza che i militari dell’Arma hanno subito ricostruito arrestandone i colpevoli.

 

Secondo quando appurato dai Carabinieri, il ragazzo avrebbe reagito violentemente alla richiesta di vedere il biglietto da parte dell’autista, aggredendolo con calci e pugni fino a lasciarlo stordito a terra.

 

Successivamente i tre si sono spostati al centro della vettura dove, utilizzando il martello di sicurezza, hanno infranto i vetri della porta aprendo un'uscita e si sono poi dileguati.

 

La pronta risposta dei militari della Compagnia Carabinieri di Ortisei ha permesso di prestare immediato soccorso al conducente ferito, riuscendo a rintracciare i tre giovani, ancora sporchi di sangue e ancora in possesso del telefono sottratto all’autista.

 

A tradire l’aggressore sono stati i profondi segni e le escoriazioni rimaste sulle sue mani a causa dei violenti colpi inferti al malcapitato conducente del bus, immediatamente notate dei militari durante il controllo che, insospettiti dalle ferite ancora sanguinanti, hanno proceduto alla perquisizione personale rinvenendo il telefono oggetto della rapina.

 

I tre giovani sono ora chiamati a rispondere delle ipotesi di reato di concorso in rapina, danneggiamento aggravato e lesioni personali, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bolzano. Il ventenne tunisino in stato di arresto (per la sua condotta attiva e più grave) le due giovani – una di diciotto e una di diciannove anni – in stato di libertà.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 January - 10:32

Il Dolomiti vi accompagna in un viaggio tra i luoghi della musica in Trentino, con delle video-interviste in cui le band locali si raccontano, tra la speranza di sfondare gli angusti confini provinciali e le difficoltà di suonare nelle valli. Davide Leveghi e Aaron Giordani cercano dunque di rispondere a una domanda: dove si trova il rock in Trentino?

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato