Contenuto sponsorizzato

Cura dei figli: contributo della Provincia anche per chi non lavora e i liberi professionisti. Attese tra le 300 e le 400 domande

Possono fare richiesta i genitori di bambini fino a tre anni o fino a tre anni dall'adozione. Piazza Dante apre anche a chi è in aspettativa e agli autonomi. C'è tempo fino al 30 giugno

Pubblicato il - 09 febbraio 2019 - 10:49

TRENTO. Avete un figlio fino ai tre anni e vi ci dedicate a tempo pieno? Allora potete fare domanda per accedere alla copertura previdenziale prevista dalla Provincia, ora estesa anche a chi non lavora o è in aspettativa, ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti.

 

Questa la novità, dunque, l'ampliamento della platea dei potenziali beneficiari del provvedimento. Purché si dedichino a tempo pieno alla cura e all'educazione dei figli che abbiano fino a tre anni o entro i tre anni dalla data di adozione.

 

Il dispositivo è stato adottato venerdì dalla giunta provinciale: si tratta di una delibera che modifica il regolamento provinciale che disciplina le modalità e i termini per l'erogazione di diversi contributi in materia integrativa. Una competenza legislativa della Regione, mentre alle Province di Trento e di Bolzano spetta stabilire le modalità e i termini di presentazione delle domande.

 

In precedenza il contributo era accessibile solo per coloro che svolgevano un'attività lavorativa a tempo parziale. La deliberazione quindi apre la possibilità a più persone di far domanda: la giunta si aspetta che arrivino tra le 300 e le 400 richieste.

 

Le domande di contributo per la copertura previdenziale dei periodi dedicati alla cura e all'educazione dei propri figli o di minori affidati per coloro che non lavorano vanno presentate entro il 30 giugno all'Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa o agli sportelli periferici della Provincia oppure agli istituti di patronato o assistenza sociale.

 

Una scadenza che riguarda anche le domande per i periodi dedicati all'assistenza dei familiari non autosufficienti relativi all'anno 2017: contestualmente alla manovra incentrata sulla cura dei figli, Piazza Dante ha stabilito infatti di permettere anche la presentazione delle domande per la copertura previdenziale di questo tipo sempre entro il 30 giugno.

 

Per informazioni è possibile rivolgersi all'Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa in via Zambra o telefonare allo 0461 493234.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato