Contenuto sponsorizzato

Da stasera riapre la Statale 421 tra San Lorenzo e Molveno, chiusa dal 23 novembre per una frana che aveva invaso la carreggiata

La riapertura è avvenuta in tempi record grazie all'impegno del Servizio Gestione Strade della Pat. Già a partire da questa sera sarà riaperto al traffico il tratto compreso tra San Lorenzo in Banale e Molveno, precedentemente investito da una pioggia di massi

Pubblicato il - 13 dicembre 2019 - 19:00

TRENTO. Grazie all'impegno determinante del Servizio Gestione Strade della Provincia, a partire da questa sera sarà riaperta al traffico la strada statale 421 nel tratto tra San Lorenzo in Banale e Molveno, chiusa dal 23 novembre scorso a causa di una frana staccatasi dalla parete rocciosa che costeggia la carreggiata.

 

Gli interventi per ripristinare l’agibilità dell’arteria viaria sono stati avviati già all’indomani della frana dallo stesso Servizio Gestione Strade, in collaborazione con i geologi del Servizio provinciale e di una ditta specializzata in disgaggi. "La riapertura è avvenuta in tempi record", festeggia la Pat, nonostante la situazione della parete rocciosa a monte della strada fosse precaria e considerando sia le proporzioni della frana e le condizioni di intervento non certe.

 

Superato questo problema rimane l'impegno, confermato dal presidente Maurizio Fugatti, di affrontare strutturalmente le condizioni della strada, per la quale sono già disponibili risorse a bilancio. Al momento, oltre alla bonifica di un’ampia porzione del versante interessato dai crolli, si è provveduto allo svuotamento del materiale di frana trattenuto dalle barriere paramassi già in opera. Inoltre sarà realizzata una nuova barriera paramassi nella parte superiore delle alte pareti presenti.

 

Per accelerare la riapertura della strada in considerazione della sua valenza turistica e considerato che sono già in attività gli impianti delle stazioni sciistiche dell’Altopiano della Paganella, per un tratto di circa 80 metri, la sede stradale è stata provvisoriamente spostata più a valle, in modo da allontanarla il più possibile dalla base della parete della frana.

 

Ad ulteriore protezione del traffico è stata realizzata una barriera di elementi prefabbricati in cemento armato, sormontati da una rete metallica, in modo da contenere le eventuali proiezioni di frammenti che potrebbero essere rilasciati nella fase di completamento dei lavori, prevista per le prossime settimane.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

Una riforma che viene presentata e spiegata tra le elezioni amministrative. Magari un sindaco può anche essere d'accordo e un successore potrebbe trovarsi a incassare un iter iniziato da altri. Poi c'è la partita operatori. Tra scorporazioni e nuovi assetti si ipotizza uno spezzatino per arrivare a 10 Aziende per il turismo. Il punto di partenza sono 15 Apt e 5 Consorzi Pro loco. Il rischio è di non soddisfare nessuno e vedere nascere Pro loco ovunque

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato