Contenuto sponsorizzato

E' morto Silvano Dusevich, il mondo del ciclismo piange un punto di riferimento

Imprenditore di lungo corso, Dusevich ha gestito per anni la Forti e Veloci, tra le più blasonate società sportive. Si è spento un pezzo di storia e un mecenate delle due ruote per il Trentino

Pubblicato il - 14 aprile 2019 - 19:48

TRENTO. Il mondo del ciclismo piange Silvano Dusevich, presidente del club ciclistico Forti e Veloci. Si è spento un pezzo di storia e un mecenate delle due ruote per il Trentino.

 

Imprenditore di lungo corso, Dusevich ha gestito per anni la Forti e Veloci, tra le più blasonate società sportive trentine. Era riuscito a superare periodi non brillanti per raggiungere grandi risultati.

 

La Forti e Veloci, fondata nel 1925, è un punto di riferimento per il Trentino e nel 1927 aveva lanciato il "Giro della Bolghera", la classicissima di primavera per il Trentino. 

 

La società rossoblù è stata poi forgiata intorno alla sua personalità, la Forti e Veloci negli anni si è distinta per i risultati, ma anche per le capacità tecniche e la volontà di trasmettere alle giovani generazioni i valori dello sport attraverso l'impegno e l'esempio dei vertici sportivi prima di tutto. 

 

Ha combattuto con grinta e tenacia, ma purtroppo Dusevich si è spento dopo una lunga malattia. Tanti i ragazzi, poi diventati uomini, così come molte persone che l'hanno conosciuto ricordano il suo sorriso e la sua grande disponibilità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

25 aprile - 16:14

Un'auto nell'affrontare una curva prima dell'abitato di Nogarè ha stretto troppo la traiettoria per uscire di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato