Contenuto sponsorizzato

Fermati quattro minorenni, hanno rubato un'auto, forzato un posto di controllo e fornito documenti falsi

Inseguimento folle ieri pomeriggio a Bolzano. I carabinieri sono riusciti a bloccare quattro minorenni. Uno di loro, quello alla guida, ha dichiarato delle false generalità, un secondo ha addirittura consegnato un documento di identità palesemente contraffatto, un terzo aveva addosso alcuni grammi di hashish

Pubblicato il - 25 febbraio 2019 - 17:10

BOLZANO. Rubano un'auto, all'alt dei carabinieri decidono di accelerare e alla fine di un inseguimento molto pericoloso forniscono alle forze dell'ordine false generalità e documenti contraffatti. A finire nei guai sono stati quattro minorenni la cui situazione, molto complessa, è al vaglio della Procura dei minori di Bolzano.

 

L'inseguimento è partito ieri pomeriggio attorno alle 14 quando una pattuglia dei carabinieri stava svolgendo un servizio di prevenzione nel quartiere di Oltrisarco ed ha notato, lungo via Claudia Augusta, una Mazda di colore grigio con quattro persone a bordo.

 

In pochi istanti i militari hanno capito che si trattava dello stesso mezzo che era stato rubato, la notte del 22 ad Appiano. All'alt da parte dei carabinieri l’autovettura ha iniziato subito ad accelerare, allontanandosi rapidamente. Ne è nato un inseguimento. I carabinieri in ogni modo hanno tentato di evitare che il conducente, che procedeva a grande velocità, potesse mettere in pericolo gli altri utenti della strada.

 

A sirene spiegate la pattuglia non ha mollato un attimo il mezzo e nel frattempo sono stati chiesti anche altri rinforzi per bloccare alcune strade ed evitare che altri veicoli potessero incrociare il mezzo in fuga.

 

La folle corsa della Mazda si è protratta fino a Fiè allo Sciliar, dove i carabinieri, coadiuvati da altre pattuglie, sono riusciti a bloccare il mezzo. A bordo 4 giovani che sono stati poi accompagnati in caserma e dalla procedure di identificazione si è scoperto essere tutti minorenni.

 

Uno di loro, quello alla guida, ha dichiarato delle false generalità, un secondo ha addirittura consegnato un documento di identità palesemente contraffatto, un terzo aveva addosso alcuni grammi di hashish.

 

Una situazione complessa che è ora al vaglio della Procura per i minorenni di Bolzano, a cui sono stati rimessi gli accertamenti svolti dai Carabinieri. L’autovettura oggetto di furto è stata sottoposta a sequestro, così come il documento falso e lo stupefacente. Per i quattro l’accusa è di ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e false dichiarazioni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
10 May - 20:01
L'intervento del presidente della Provincia su Facebook, nella giornata in cui gli sbarchi a Lampedusa sono stati circa 2mila: "Trentino già [...]
Società
10 May - 16:55
La psicologa e sessuologa Laura Mincone: "Oggi ci sono meno tabù, in una società che parla della sfera sessuale adesso i giovani si fanno [...]
Cronaca
10 May - 18:44
L'animale è già stato messo in libertà, l'operazione è stata portata a termine dai collaboratori dell’Ufficio caccia e pesca della [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato