Contenuto sponsorizzato

Fermato in A22 con 6 chili di cocaina in auto. Arrestato per traffico internazionale di sostanze stupefacenti

L'uomo è stato fermato per un controllo all’altezza del Casello di Vipiteno. Il valore sul mercato della sostanza è di circa 800 mila euro

Pubblicato il - 04 luglio 2019 - 18:35

VIPITENO. E' stato bloccato mentre trasportava in macchina sei chili di cocaina. E' successo ieri pomeriggio in A22, all’altezza del Casello di Vipiteno.

 

Una pattuglia di vigilanza stradale dipendente dalla Sottosezione Polizia Stradale di Vipiteno, stava facendo un normale controllo quando ha deciso di fermare una Golf di colore grigio da una persona residente in provincia di Como, in ingresso nel territorio nazionale.

 

Dopo un primo controllo ai terminali gli agenti hanno scoperto che il mezzo era gravato da un fermo fiscale e, vedendo lo stato di agitazione del conducente, hanno deciso di approfondire ulteriormente le verifiche.

 

Anche il veicolo ingenerava sospetti, visto che alcune parti dei rivestimenti interni dell’abitacolo non erano correttamente assemblati, facendo nascere il dubbio che potesse esservi occultato qualcosa.

 

Le verifiche sono andate avanti fino a tarda serata fino a quando sono stati trovati, occultati in un doppio fondo dell’abitacolo, attivabile tramite uno specifico meccanismo, sei chili di cocaina.

 

L'uomo, di origine albanese residente in provincia di Como, è stato tratto in arresto per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e condotto presso la Casa Circondariale di Bolzano.

 

La sostanza e il denaro contante, pari a euro 2600 trovati in possesso dello straniero, sono stati sequestrati. Il valore sul mercato della sostanza è di circa 800 mila euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 07:38

Modifiche alle linee guida anche per quanto riguarda gli operatori: screening una volta in settimana e se non ci sono sintomi non servono test al personale che ha già contratto Covid-19 nei mesi scorsi. Francesca Parolari, presidente di Upipa: "Se aspettiamo l'insorgenza dei sintomi o aspettiamo la positività accertata di un operatore, rischiamo di non contenere il contagio. Dobbiamo agire su entrambi i fronti"

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato